Mafia, tornano le università per la legalità: coinvolto anche l'ateneo palermitano

Tra i progetti presentati dagli studenti anche videoinchieste sulle infiltrazioni mafiose e sui traffici illeciti di rifiuti, seminari, mostre, visite guidate nei musei e incontri formativi con minori detenuti

Maria Falcone, presidente della Fondazione Falcone

Videoinchieste sulle infiltrazioni mafiose e sui traffici illeciti di rifiuti, seminari, mostre, visite guidate nei musei, una 'passeggiata della legalità', manifestazioni sportive, convegni, incontri formativi con minori detenuti. Sono alcuni dei progetti presentati dagli studenti dei 12 Atenei italiani  - tra cui quello di Palermo - che hanno aderito alla quarta edizione de 'Le Università per la Legalità', iniziativa organizzata dal ministero dell'Università e della ricerca e dalla Fondazione Giovanni Falcone, d'intesa con il Consiglio nazionale degli studenti universitari (Cnsu) e la Conferenza dei rettori delle Università italiane (Crui). La manifestazione si svolge da remoto e viene trasmessa sulla piattaforma Teams e in streaming sulla pagina Fb dell'Università degli Studi di Milano, ateneo capofila della manifestazione.  

Il tema scelto per questa edizione di due giorni, che si concluderà domani, è 'La cultura e il sapere: l'attualità del pensiero e del lavoro di Giovanni Falcone'. Alla rete delle Università per la legalità quest'anno hanno aderito l'Università di Pavia, la 'Federico II' di Napoli, la Luiss 'Guido Carli', 'La Sapienza', 'Tor Vergata', l'Ateneo di Genova, la Statale di Milano, l'Università di Palermo, la 'Aldo Moro' di Bari, 'Roma Tre' e le università di Foggia e Bologna.  In tutto i progetti presentati sono 14. La Statale di Milano e La Sapienza hanno partecipato con due lavori. "Anche quest'anno sono tante le Università italiane che hanno raccolto la sfida di ideare e dar corpo a iniziative finalizzate a diffondere la cultura della legalità e della lotta contro le mafie", dice la presidente della Fondazione Falcone, Maria Falcone. "E' un risultato eccezionale in questo 2020 che ricorderemo a lungo per le difficoltà che gli italiani hanno dovuto affrontare nel far fronte all'emergenza sanitaria - aggiunge -. Con la partecipazione a questa importante iniziativa, giunta al suo quarto anno, docenti e studenti universitari dimostrano la loro determinazione a proseguire, superando ogni ostacolo, sulla via della ricerca e della crescita culturale e morale del nostro Paese". 

"Sono molto grato a Fondazione Falcone, e alla sua presidente, Maria Falcone, per aver saputo mobilitare le energie delle nostre università su un tema tanto importante come quello delle legalità e della lotta alle mafie. - dice il professor Elio Franzini, rettore dell'Università Statale di Milano - La Statale vanta un impegno scientifico, di formazione e di sensibilizzazione delle nuove generazioni sulla criminalità organizzata e i temi della legalità di cui siamo orgogliosi, e che siamo impegnati ad ampliare costantemente. Soprattutto in momenti complessi quale è quello che viviamo, il perseverare nella difesa dei nostri valori fondanti è davvero irrinunciabile". Alla prima giornata dei lavori, conclusi dall'intervento del ministro dell'Università Gaetano Manfredi, partecipano, tra gli altri, Nando Dalla Chiesa, docente di Sociologia della criminalità organizzata alla Statale di Milano, il procuratore nazionale antimafia, Federico Cafiero De Raho, e il presidente della commissione antimafia, Nicola Morra. L'iniziativa, lanciata nel 2016 in occasione delle commemorazioni delle stragi di Capaci e via D'Amelio in cui persero la vita i giudici Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Francesca Morvillo e gli agenti delle scorte, nasce con lo scopo di coinvolgere gli atenei italiani nel progetto di costruzione e diffusione della cultura della legalità e di una coscienza civile antimafiosa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: in Sicilia negozi chiusi la domenica e nei festivi

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Dal nuovo Riina al nipote di Michele Greco, boss ballano la techno: spot shock di Klaus Davi

  • Tamponi nelle scuole, l'Asp rende noto il calendario: ecco gli istituti coinvolti

  • Incidente al drive in della Fiera, malore dopo il tampone: marito e moglie con auto contro il muro

Torna su
PalermoToday è in caricamento