menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Quando la moglie del boss rubò la cassa del clan: "L'ha cacciata, si è fottuta 7 mila euro"

Uno dei retroscena dell'inchiesta "Bivio" contro la cosca di Tommaso Natale. Ad essere derubato, come racconta il capomafia Giulio Caporrimo, sarebbe stato un suo fedelissimo: "Lei ha scoperto dove teneva i soldi e se li sono mangiati! Poi però l'ha perdonata..."

Non solo si sarebbe fatto rubare la cassa con i soldi del clan, ma il peggio è che a far sparire i "picciuli" sarebbe stata addirittura sua moglie. Una brutta storia quella capitata a un fedelissimo del boss di Resuttana, Giulio Caporrimo, che - come emerge dalle intercettazioni dell'operazione "Bivio" dei carabinieri - sarebbe arrivato a cacciare la donna. Poi, però, a patto che restituisse il denaro, l'avrebbe perdonata.

A riportare la vicenda è proprio Caporrimo in una conversazione intercettata a Firenze il 7 novembre del 2019, contenuta nel fermo che ieri ha portato 16 persone in carcere, firmato dal procuratore aggiunto Salvatore De Luca e dai sostituti Amelia Luise, Dario Scaletta e Felice De Benedittis. Il capomafia si lamenta anche di una presunta mancanza di lealtà da parte del fedelissimo, che non gli avrebbe riferito direttamente del furto.

"Gli ha fottutto 7 mila euro!"

"Lei gli aveva scoperto dove li teneva - dice Caporrimo riferendosi alla moglie - e gli hanno fottuto settemila euro, dice che li ha buttati fuori di casa, però poi la sera li ha ricevuti perché mia madre che ha potuto scendere per andare a metterci la buona... Dice noi non ci siamo immischiati perché però poi abbiamo saputo queste cose... Lui a dirgli: 'Ritornate a casa ma domani andatemi e andate a vedere i soldi, prendetemi i soldi e me li date, vedete quelli che avete speso ma magari quelli che avete conservato...'. Non ne avevano più".

"Se li sono mangiati"

Il boss chiarisce poi la dinamica: "Lui non è che se n'è accorto lo stesso giorno che se li sono presi, forse lui lo sa pure... questi se li sono presi per dire ad aprile e lui se n'è accorto a giugno, settemila euro e se li mangia tutti mio cugino, perché glieli fa mangiare a lui... parte, locali, la sera, tutte le sere va a mangiare nei locali fuori Palermo... Neppure dice: 'Cretino mio zio non se ne accorge?', a dire come cazzo li spende questi soldi, capito? Come fa ad averli questi soldi? 'Se li sono mangiati' dice e lui, gli diceva che non erano i suoi, erano messi di lato e siccome si sa che lui fotteva gli ho detto: 'E questi con gli altri', siccome gli ho detto: 'Ora tuo zio è fatto pure furbetto'... Perché una volta me lo avrebbe detto, una volta mi avrebbe detto: 'Vedi che mia moglie mi ha fottuto i soldi, ora siccome sono in galera...' non lo sa quanto ho guadagnato, gli faccio avere questi e camminiamo. E se la tiene, io gli ho detto il Signore gliene deve dare salute, io la voglio bene a lei...".

"Le voci girano..."

E poi Caporrimo sottolineava il fatto che il fedelissimo non lo avrebbe informato direttamente, nonostante quelli fossero i soldi del clan: "Sì, si è fottuto i soldi, gli ho detto: 'Le voci girano, però non me lo chiedere come... ha pizzicato di nuovo tua moglie ma deve pizzicare dai tuoi, no i miei, no dai miei, Poi un'altra cosa, tu stai cambiando perché ora me lo nascondi, perché ormai non ti tengo più...'".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento