rotate-mobile
La protesta

Luci spente nei Comuni contro il caro bollette, Orlando: "Ricadute sui servizi ai cittadini"

I palazzi municipali rimarranno simbolicamente al buio domani, 10 febbraio, alle 20. Il sindaco, a capo dell'Anci Sicilia, chiede "un tavolo di confronto Stato-Regione-enti locali finalizzato a  trovare soluzioni adeguate e condivise"

Anche i sindaci siciliani, con in testa il presidente regionale dell'Anci, associazione dei Comuni, Leoluca Orlando, protestano contro il caro bollette. "Gli eccessivi aumenti del costo dell’energia rischiano di mettere in ginocchio i Comuni che, molto presto, non saranno più in grado di assicurare i servizi essenziali ai cittadini. La protesta simbolica di spegnere le luci in un palazzo rappresentativo per le nostre comunità, il 10 febbraio alle 20, servirà ad attirare l’attenzione di cittadini e istituzioni su un’ulteriore e grave tegola finanziaria che colpirà presto i nostri Comuni”, dichiara Orlando.

"Come abbiamo anticipato in una nota inviata, nei giorni scorsi, al presidente della Regione, Nello Musumeci, e agli assessori regionali delle Attività produttive e delle Autonomie locali, Girolamo Turano e Marco Zambuto - aggiunge Orlando - i rilevanti rincari dei costi dell’energia elettrica e del gas stanno rappresentando una reale minaccia non solo per gli equilibri, già precari, degli enti locali ma anche per quelli delle società partecipate, con particolare riferimento a quelle che gestiscono il servizio idrico integrato. Queste ultime, infatti, ove volessero operare un 'ribaltamento' dei costi sugli utenti, non potrebbero procedere con immediatezza dovendo intervenire su una tariffa sottoposta all’approvazione dell’Arera.

"Una situazione - prosegue Orlando - che sta avendo, inoltre, una pesante ricaduta anche sulla sostenibilità dei servizi offerti ai cittadini, in particolare sugli impianti sportivi, sia privati che pubblici, molti dei quali hanno bilanci già duramente colpiti dalle lunghe chiusure per il Covid e che, a causa degli aumenti dei costi di gestione, rischiano la chiusura definitiva. Per questi motivi - conclude il presidente dell’Anci Sicilia - riteniamo importante avviare, prima possibile, un tavolo di confronto Stato-Regione-enti locali finalizzato a  trovare soluzioni adeguate e condivise che garantiscano ai cittadini la continuità nei servizi essenziali".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Luci spente nei Comuni contro il caro bollette, Orlando: "Ricadute sui servizi ai cittadini"

PalermoToday è in caricamento