menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Primo italiano ad aver passeggiato nello spazio: Parmitano a Palermo

L'astronauta sarà il protagonista del dibattito che si terrà nei locali universitari di via Archirafi, nell’Aula A Botanica del DiSTeM - Dipartimento di Scienze della Terra e del Mare

Ci sarà anche l'astronauta Luca Parmitano a Palermo, nell'appuntamento fissato per lunedì 22 maggio, dalle 9.30 alle 11.30, nell’Aula A Botanica del DiSTeM - Dipartimento di Scienze della Terra e del Mare dell’Università. Nei locali di via Archirafi, 38, si terrà la conferenza/dibattito sul tema “Esplorazione e ricerca scientifica in ambienti estremi: prospettive e tecnologie per la valorizzazione delle cavità ipogeniche della Sicilia”. Luca Parmitano è astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea, primo italiano ad aver passeggiato nello spazio. Partito il 28 maggio 2013 da Baijknour (Kazakhstan) a bordo della Sojuz TmA?09M, per la missione Expedition 36 diretta alla Stazione Spaziale Internazionale (Iss), che servirà per proseguire gli esperimenti già iniziati a bordo della Iss sullo studio dello spazio e sulla reazione degli organismi viventi in assenza di gravità.
 
L’incontro, organizzato dal DiSTeM in collaborazione con l’Associazione di esplorazioni geografiche La Venta, prenderà il via con l’introduzione di Antonio Mazzola, Direttore del Dipartimento.
                                                                                 
Interventi:
Giuliana Madonia e Marco Vattano (DiSTeM e Ass. La Venta)
Le grotte ipogeniche della Sicilia
 
Giovanni Badino e Francesco Sauro (Università di Bologna, Università di Torino e Ass. La Venta)
Aspetti fisici di ambienti ipogei estremi, l’esperienza di La Venta
 
Luca Parmitano e Loredana Bessone, European Space Agency
L’esplorazione speleologica come addestramento degli astronauti europei: i programmi CAVES e PANGAEA

 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento