Lotteria Italia, a Palermo caccia aperta al biglietto: un anno fa staccati 96 mila tagliandi

Per l'edizione 2020 si registra un calo del 30% rispetto all'anno precedente. Stando ai dati forniti dall'agenzia specializzata Agipronews, infatti, si tratterebbe di un crollo storico che non si registrava da 40 anni

Sono stati ben 322.660 tagliandi venduti in Sicilia nella scorsa edizione della Lotteria Italia. Un dato che porta alla luce, ancora una volta, il primato della provincia di Palermo, con 96.740 biglietti. Catania a seguire, riferisce Agipronews, con un totale di 72.720, e sul podio, nella passata edizione, è finita anche Messina, a 47.060. Lo scorso anno il calo più cospicuo è stato registrato in provincia di Trapani, dove le vendite si sono chiuse a -11,1% (24.460); Agrigento è arrivata a 21.500 biglietti, Ragusa a 15.160, Caltanissetta a 10.000, Siracusa  a 22.580 ed Enna a 13.440).

L'appuntamento finale con la Lotteria Italia, come da tradizione, è fissato per l'Epifania. La lotteria nazionale "Italia" 2020 si concluderà con l'estrazione finale del 6 gennaio. Il montepremi è ricchissimo. Cinque i premi di prima categoria, il primo dei quali si aggiudicherà 5 milioni di euro. Anche la Lotteria Italia risente della crisi legata al Covid-19. Per l'edizione 2020, infatti si registrerebbe un calo del 30% rispetto all'anno precedente. Stando ai dati forniti dall'agenzia specializzata Agipronews, infatti, si tratterebbe di un crollo storico che non si registrava da 40 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • Nuovo Dpcm: Governo conferma l'ipotesi dello stop all'asporto per i bar dopo le 18

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento