rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca Via Altofonte

Lite in famiglia in via Altofonte, picchia la moglie e minaccia gli agenti con una pistola: arrestato

La donna ha confermato agli agenti le violenze, ma non ha voluto denunciare il marito. L'uomo, pluripregiudicato, è finito in manette con l'accusa di violenze a pubblico ufficiale

Lite in un appartamento in via Altofonte, ieri sera intorno alle 22. Gli agenti del Commissariato di polizia Porta Nuova, intervenuti sul posto dopo una segnalazione, hanno trovato in casa M.M, 43enne pluripregiudicato, in escandescenza. Con lui, la moglie, piena di lividi sulle braccia e sul viso, il figlio, il fratello e la madre.

Il 43enne alla vista dei poliziotti è stato colto da un'ira violenta e ha tentato di estrarre dalla cinta dei pantaloni una pistola. E' stato bloccato dagli agenti che si sono lanciati su di lui e, con non poca fatica, sono riusciti a disarmarlo. Scoprendo, solo allora che la pistola era un giocattolo, con il tappo ben occultato. E' finito in manette con l'accusa di resistenza, minacce e lesioni a pubblico ufficiale.

I poliziotti hanno ascoltato i parenti dell'uomo per cercare di ricostruire l'accaduto. Il fratello del pluripregiudicato ha raccontato di essere stato chiamato dal nipotino terrorizzato dal padre che stava picchiando la madre. Per questo motivo si era recato lì, insieme alla madre.

La moglie ha confermato gli schiaffi e i pugni, ma non ha voluto sporgere sporgere alcuna denuncia contro il marito. L’uomo è stato condotto in Questura e stamattina in tribunale per essere giudicato per direttissima.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lite in famiglia in via Altofonte, picchia la moglie e minaccia gli agenti con una pistola: arrestato

PalermoToday è in caricamento