Lite tra bimbi finita a coltellate tra genitori: "Non fu tentato omicidio", pena ridotta in appello

Lo scontro tra i padri dei ragazzini nel 2019 ad Altofonte aveva portato all'arresto di Alessandro Guddo. L'uomo sarebbe intervenuto per vendicare l'onore del figlio. In primo grado era stato condannato a 6 anni. Ora i giudici gli hanno inflitto un anno e 2 mesi ed è tornato pure libero

Il palazzo di giustizia

Ad agosto del 2019, ad Altofonte, un banale screzio tra ragazzini era finita a coltellate e a "vendetta d'onore" tra i loro rispettivi padri. Una lite che non sarebbe culminata in una tragedia, secondo la Procura, soltanto perché era intervenuto un carabiniere in pensione che aveva assistito alla scena ed era riuscito a trattenere la mano di Alessandro Guddo, 42 anni, che con l'arma tentava di ferire il rivale. L'uomo era finito in carcere con l'accusa di tentato omicidio e per lo stesso reato era stato condannato con il rito abbreviato a 6 anni di reclusione. Adesso però la terza sezione della Corte d'Appello ha deciso di ridurre drasticamente la pena - a un anno e 2 mesi - riqualificando il tentato omicidio nell'accusa molto più lieve di lesioni. Guddo è così tornato libero.

Il collegio presieduto da Antonio Napoli ha accolto le tesi dei difensori di Guddo, gli avvocati Giovanni Castronovo e Raffaele Bonsignore, che sin dal primo grado avevano sostenuto che la ferita riportata dalla vittima era - come da referti medici - una semplice escoriazione, che non aveva neppure richiesto dei punti e che era guarita in pochi giorni con l'applicazione di una crema. Non solo: già davanti al gup, la stessa vittima aveva negato che Guddo volesse attentare alla sua vita; versione confermata anche dal carabiniere in pensione.

Lo scontro tra i due genitori (la vittima è un commerciante di 46 anni, anche lui di Altofonte) era avvenuto il 24 agosto di due anni fa. In base alla ricostruzione della Procura, che aveva coordinato le indagini dei carabinieri, il movente sarebbe stata un'altra lite, quella tra i figli di 11 e 10 anni dei due uomini. I ragazzini infatti si sarebbero punzecchiati e la vittima aveva deciso di intervenire, rimproverando il figlio dell'imputato per il suo comportamento e dandogli due schiaffi.

Il bimbo era così tornato a casa e in lacrime aveva riferito al padre l'accaduto. A quel punto Guddo aveva deciso di regolare i conti con il genitore dell'altro ragazzino: i due si erano incontrati e l'imputato aveva tirato fuori un coltello. Mentre stava per colpire il rivale, però, era passato il carabiniere in pensione che era riuscito a sviare la direzione del fendente e ad evitare così che la lama potesse affondare e ferire profondamente la vittima. Guddo era poi fuggito.

L'imputato era stato comunque rapidamente rintracciato dai militari ed era poi finito in carcere per tentato omicidio. Aveva scelto di essere processato con il rito abbreviato. Alla fine dello scorso marzo, per via della pandemia, il giudice gli aveva concesso gli arresti domiciliari per evitare che potesse contrarre il Covid in cella e anche perché nel frattempo la vittima si era trasferita all'estero. Alla fine gli erano stati comunque inflitti 6 anni. Dopo circa un anno e mezzo di reclusione, ora con la sentenza emessa in appello è stato rimesso in libertà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Grida "mamma" e si accascia in cucina, morta bimba di 9 anni ad Acqua dei Corsari

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento