Cronaca

"Pazienti dirottati in cliniche private" Villa Sofia licenzia un medico

Si tratta di un dirigente dell'unità operativa di Medicina e Chirurgia d'urgenza. Era coinvolto nell'inchiesta su irregolarità nel ricovero di ammalati in strutture private della città

Giuseppe Antonio Iannello, dirigente medico dell'unità operativa di Medicina e Chirurgia d'urgenza del presidio Villa Sofia, è stato licenziato con effetto immediato per “Il mancato rispetto - si legge in una nota dell'azienda ospedaliera - delle norme di legge e contrattuali e dei regolamenti aziendali in materia di espletamento di attività libero professionale, ove ne sia seguito grave conflitto di interessi o una forma di concorrenza sleale nei confronti dell’Azienda”.

La decisione scaturisce a seguito di un’istruttoria avviata dall’Ufficio procedimenti disciplinari dell’Azienda ospedaliera “Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello” (alla luce delle indagini della Procura di Palermo su irregolarità nel ricovero di pazienti in strutture private della città). La direzione generale dell’Azienda ne ha preso atto con apposita delibera rendendo così esecutivo il licenziamento. L’azienda si è, inoltre, costituita parte civile. Il dott. Iannello era già stato sospeso temporaneamente dall’incarico, dopo che l’Azienda ospedaliera “Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello” aveva avuto notizia della conclusione delle indagini della Procura.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Pazienti dirottati in cliniche private" Villa Sofia licenzia un medico

PalermoToday è in caricamento