rotate-mobile
Cronaca

Palermitano colpito da una bici a Torino, i genitori: "Grazie a chi ci ha aiutato a fare giustizia"

All'indomani della notizia del fermo di cinque persone, indagate per l'episodio avvenuto sulla passeggiata sopra i Murazzi, la madre e il padre del giovane studente di medicina hanno scritto una lettera di ringraziamento. Intanto resta invariata la situazione nel reparto di Terapia intensiva dove il ragazzo si trova ricoverato

"Grazie di cuore Torino!". Comincia così la lettera scritta dai genitori di Mauro, il giovane studente palermitano rimasto gravemente ferito dalla bicicletta lanciata dalla balconata dei Murazzi del Po e tuttora ricoverato in ospedale nel capoluogo piemontese. Il giorno dopo il fermo di cinque giovani ritenuti responsabili dell’accaduto, la coppia rivolge un ringraziamento a quanti in questi giorni sono stati vicini, a cominciare dalla "gioventù sana di questa città" che "insieme all’autorità giudiziaria ha fatto giustizia al vile e atroce atto di violenza che ha distrutto la vita di Mauro".

Un grazie poi "agli amici e colleghi di Medicina di Mauro perché ogni giorno sono qui, con noi, dietro la porta della Terapia intensiva a dare forza e per l'instancabile attività di sensibilizzazione e di ricerca della verità a questa ingiustizia". E ancora "all’Arma dei carabinieri di Torino che ha raccolto la fiducia della gioventù sana di questa città e che non ha mai smesso di starci vicino. A loro che, insieme all’autorità giudiziaria, hanno fatto giustizia al vile e atroce atto di violenza che ha distrutto la vita di Mauro. A tutte le istituzioni, al Sindaco e alla comunità accademica che non hanno fatto mai mancare il loro appoggio".

Dai genitori del giovane, un ringraziamento anche "a tutti i torinesi, agli amici, a chi non ci conosce, alle mamme e alla comunità parrocchiale della Crocetta che prega insieme a noi" e infine "un grazie particolare ai medici e a tutto il personale sanitario del Cto che, con serietà, preparazione e dedizione massima, stanno assistendo Mauro in questa lunga e dolorosa battaglia per la vita".

Fonte: Adnkronos

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palermitano colpito da una bici a Torino, i genitori: "Grazie a chi ci ha aiutato a fare giustizia"

PalermoToday è in caricamento