“Hai rovinato Partinico: vai via”, nuova lettera di minacce per Maniaci

Ancora intimidazioni per il direttore di Telejato. Nella missiva lo si invita a lasciare il paese "altrimenti agiremo in altri modi". Lui: "Andremo avanti per la nostra strada"

Pino Maniaci, direttore della tv locale Telejato

“Hai rovinato un paese. Devi andare via da Partinico altrimenti agiremo in altri modi”. E’ la nuova minaccia giunta, con una lettera anonima, a Pino Maniaci, direttore della tv palermitana Telejato. Minacce dello stesso tenore erano apparse recentemente sui muri di Partinico dove ha sede la tv. Maniaci, che ha presentato una denuncia ai carabinieri, ha commentato: “Al solito c'è una solo modo per rispondere a queste intimidazioni, che ormai sono ricorrenti: andremo avanti per la nostra strada”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Palermo, ragazza di 27 anni muore dopo avere mangiato gamberi

  • La corsa in ospedale e la disperazione, bambino di 3 mesi muore al Di Cristina

  • Tragedia a Isola, accusa un malore mentre esce dall'acqua e muore in spiaggia

  • Maltempo in arrivo: temporali e rischio grandine, scatta l'allerta meteo

  • L’incidente sulla Palermo-Sciacca, giovane motociclista muore in ospedale

  • Suicidio in via Guido Cavalcanti, commerciante di 62 anni si toglie la vita

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento