menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Salvo Palazzo - foto Mimmo Cusano

Salvo Palazzo - foto Mimmo Cusano

Devi "finirla cu Borgo Vecchio", lettera di minacce a un cronista de La Repubblica

La missiva intimidatoria indirizzata a Salvo Palazzolo è stata recapitata per posta nella redazione palermitana. Nella stessa, anonima e scritta al computer, "attenzioni" anche per il giudice Nicola Aiello

Lettera di minacce a un giornalista palermitano. Stamattina il cronista de La Repubblica Salvo Palazzolo ha ricevuto tramite posta e in redazione una missiva anonima e scritta al computer nella quale gli viene intimato di "finirla cu Borgo Vecchio" e di riferire al giudice Nicola Aiello "di tenersi basso a settembre". Sulla porta dell'ufficio del gip, qualche giorno fa, è stata disegnata una croce con un pennarello nero. Dopo l’episodio la procura di Caltanissetta ha aperto un’indagine sull’intimidazione e lunedì prossimo entrambi saranno ascoltati dai magistrati.

"Siamo vicini a Salvo Palazzolo, cronista attento e scrupoloso, che da anni scrive di inchieste di mafia e al contempo partecipa attivamente e con passione alla vita associativa del nostro sindacato. Siamo preoccupati - dice il segretario provinciale Assostampa Palermo Roberto Ginex - ma certi che non si farà intimidire da una minaccia, gli siamo e gli saremo vicini nella sua attività professionale che da sempre è votata alla conoscenza della realtà mafiosa nelle sue più profonde sfaccettature. Ci auguriamo che l'autorità giudiziaria e le forze dell'ordine possano risalire all'autore di questo gesto vile che non fermerà il lavoro di Salvo Palazzolo".

Solidarietà anche dall’Unci. "Condannando questo vile episodio - ha dichiarato il presidente della compagine siciliana Andrea Tuttoilmondo - rivolgo al collega Salvo Palazzolo il mio personale abbraccio e l'auspicio che un simile gesto non fermi la sua preziosa attività professionale". A lui si aggiunge anche il presidente nazionale Leone Zingales che ha espresso "preoccupazione e ferma condanna" per l’inquietante atto intimidatorio auspicando "che la magistratura e le forze dell’ordine facciano luce sulla vicenda".

A mostrare la propria vicinanza anche dall'Ordine dei giornalisti di Sicilia: "Gesti come quelli indirizzati contro Salvo Palazzolo sono dettati infatti dal livore e dai timori nutriti nei confronti dei cronisti, che non sono mai da soli, perché hanno al proprio fianco le testate per cui scrivono e tutti i colleghi che condividono la stessa voglia di informare e di fare sempre e comunque il proprio dovere".

Anche la redazione di PalermoToday esprime la propria solidarietà al collega de La Repubblica Palermo Salvo Palazzolo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento