Cronaca Malaspina / Via Galileo Galilei

Lettera anonima al pm Agnello: "Compri casa altrove, non riusciamo a posteggiare"

Manifestazione di intolleranza per il divieto di sosta antibomba: difficile trovare parcheggio nella zona di via Galilei. Più o meno la stessa cosa accadde a Giovanni Falcone trent'anni fa, quando una vicina di casa scrisse una lettera per lamentarsi delle sirene dei giudici antimafia

Come successe a Giovanni Falcone trent'anni fa, quando una vicina di casa scrisse una lettera per lamentarsi delle sirene dei giudici antimafia: 'Disturbano il mio sonno', disse. Questa volta è toccato a Maurizio Agnello, sostituto procuratore della Direzione distrettuale antimafia di Palermo. Il pm ha trovato una lettera nella cassetta della posta. Siamo nella zona di via Galileo Galilei. Si tratta di una manifestazione di intolleranza per il divieto di sosta antibomba. Il destinatario è Agnello che da anni vive sotto scorta dopo avere ricevuto minacce nel corso delle indagini per le tangenti nel settore eolico e in passato si è occupato di mafia.

Il magistrato è stato invitato a "comprare una casa altrove, magari nello stesso palazzo di qualche suo collega così da evitare un doppio disagio per tanta gente per bene". Tanti, troppi, disagi. Nella zona è infatti difficile trovare parcheggio, a causa delle misure di sicurezza adottate dalla scorta del pm. La lettera è stata firmata a nome dei “condomini”. Chi scrive la missiva infatti poi domanda: “Perché noi condomini dobbiamo avere limitazioni di posteggio proprio di fronte al portone e subire ogni giorno l'assalto dei vigili?”. Il pm ha deciso di appendere la lettera nella bacheca condominiale. Invitando l'anonimo a uscire allo scoperto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lettera anonima al pm Agnello: "Compri casa altrove, non riusciamo a posteggiare"

PalermoToday è in caricamento