Cronaca

"Ha provocato fratture al figlio neonato", madre a processo

Rinviata a giudizio una quarantenne che viveva con il piccolo in una comunità. Ad accorgersi delle lesioni gli operatori della struttura che lo hanno portato all'Ospedale dei Bambini per accertamenti. Il padre si è costituito parte civile

Madre sotto processo per i reati di lesioni e maltrattamenti sul figlio neonato. Il gip Nicola Aiello ha rinviato a giudizio una quarantenne che nel 2013 avrebbe provocato alcune fratture a suo figlio, il quale all’epoca dei fatti aveva appena qualche mese. I due vivevano in una comunità e di tanto in tanto alla donna, affetta da un disturbo bipolare, veniva consentito di vedere il figlio.

La storia inizia nel novembre 2013. Gli operatori della comunità non riuscivano a spiegarsi la ragione del pianto disperato del neonato. Convinti che qualcosa non andasse hanno trasportato il piccolo all’Ospedale dei Bambini, dove i medici gli hanno riscontrato, oltre a varie contusioni, una frattura al femore e a un dito. Lesioni che - secondo l'accusa - sarebbero state causate dalla madre.

Dopo le indagini, avviate d’ufficio su input della direzione della struttura sanitaria, il pm ha chiesto il rinvio a giudizio per la madre, allora 37enne. Il processo comincerà il 17 gennaio prossimo davanti alla seconda sezione del Tribunale in composizione monocratica. Il marito, al quale dopo i fatti è stata tolta la patria potestà, si è costruito parte civile contro la moglie.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ha provocato fratture al figlio neonato", madre a processo

PalermoToday è in caricamento