menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lercio sbarca a Bagheria: evento a Villa San Cataldo

La redazione del giornale satirico ha ricevuto la prima edizione del premio dedicato alla Comunicazione digitale, ComBag 2020, organizzato e patrocinato dal Comune di Bagheria

Farà il bis questa sera, al Piccolo Parco Urbano, la redazione di Lercio che è stata premiata ieri, a Villa San Cataldo, per la prima edizione del premio dedicato alla Comunicazione digitale, ComBag 2020, organizzato e patrocinato dal Comune di Bagheria su proposta dell'associazione Bocs Arci e con il patrocinio dell'associazione nazionale PA Social.

In occasione dell'uscita del loro ultimo libro, "Vero o Lercio", alcune storiche firme della testata giornalistica satirica, Lercio, prenderanno parte ad una serata benefica a supporto della ONG Mediterranea Saving Humans, evento che vedrà la partecipazione di Leonardo Puleo.

Ieri, a corollario del premio, si è tenuto il convegno dal titolo "Misinformazione, disinformazione, fake news, come difendersi?" organizzato dal Comune di Bagheria e PA Social. Intervenuti al convegno, il vicesindaco e assessore alla Cultura Daniele Vella, che ha portato i saluti del sindaco e di tutta l'amministrazione comunale, ed ha sottolineato "quanto sia importante la semplicità nella comunicazione, che permette agli amministratori di rendere accessibile a tutti i cittadini l'informazione, l'assessore ha inoltre confermato l'intenzione di rendere il premio Combag2020 per la comunicazione digitale un appuntamento annuale ed ha ringraziato l'ufficio stampa comunale per l'organizzazione del convegno".

A rappresentare Bocs Arci Angelo Aiello che ha spiegato i motivi per cui è stata scelta la redazione di  Lercio per il premio Combag2020. "Lercio fa informazione in maniera intelligente anche attraverso le fake news - ha detto Aiello -. Questo tipo di satira aiuta ad un consumo critico". Aiello  ha presentato l'associazione che ha un taglio culturale di promozione sociale ed è una comunità molto attiva nel nostro territorio che ama condividere anche buone pratiche a servizio della collettività. Tra i relatori sono intervenuti l’esperto di innovazione digitale, Marco La Diega, che relazionando sull'etica della comunicazione digitale, ha affermato "che non ci sono regole che la garantiscano e che necessità una regolamentazione ed un'attenzione ed una formazione continua"

E' intervenuto anche  Francesco Pira, sociologo e  membro dell’Osservatorio nazionale Sulla Comunicazione digitale dell'associazione PA Social, docente all’Università di Messina. "Non è facile per chi legge distinguere una fake news da una  notizia vera,  soprattutto in questo periodo di emergenza Covid19 - ha detto Pira - c'è molta confusione, anche per i giornalisti hanno delle difficoltà perché non devono solo individuare la notizia vera per raccontarla ma devono essere capaci di smontare una notizia falsa". Il professore ha poi messo in guardia i genitori dal lasciare i ragazzi e soprattutto i bambini all'utilizzo massimo degli smartphone e dei social, in particolare Tik tok che ha meno possibilità di essere controllato.   

A termine del convegno, l'assessore Vella, ha consegnato la targa premio alla redazione di Lercio e tre pergamene, a Vittorio Lattanzi, Davide Paolino e Giuseppe Coppola, i giornalisti di Lercio che hanno fatto divertire a conclusione dell'evento la platea. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento