Cronaca

Mare, è allarme foci inquinate “Acqua pulita solo a Cefalù e Ustica”

Pubblicata la guida blu 2011 con i responsi di Goletta verde. In Sicilia il maggior numero di comuni con foci di fiumi e scarichi inquinati. A Carini altissima presenza di batteri

Sono solo quattro le località della provincia di Palermo presenti nella Guida blu 2011. La pubblicazione annuale di Legambiente e Touring Club, che illustra le eccellenze del mare italiano, segnala Ustica (nella foto a sinistra) e Cefalù con tre bandiere su cinque e le località di Cinisi e Termini Imerese con una sola bandiera.

Ecco i mari più puliti della provincia dopo i rilevamenti effettuati da Goletta Verde, la campagna itinerante di Legambiente che ogni estate naviga per i mari italiani per monitorare le acque ed i litorali. Una magra consolazione a fronte del triste primato siciliano, prima regione con il maggior numero di comuni con foci di fiumi e scarichi inquinati.

I punti critici del palermitano in particolare sono la foce del fiume Oreto in città, Torrente Barratina a Termini Imerese, la foce  del fiume Ciachea a Carini ed infine la foce del fiume Nocella a San Cataldo, Terrasini. Tutte queste zone sono state etichettate come “fortemente inquinate”. Alla foce dell’Oreto, ad esempio, i campionamenti presentavano feci in sospensione, mentre a Carini è stata rilevata un’altissima presenza di batteri nel campionamento del condotto del fiume. 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mare, è allarme foci inquinate “Acqua pulita solo a Cefalù e Ustica”

PalermoToday è in caricamento