Weekend da record, in 52 mila per Le Vie dei Tesori: successo per il Loggiato San Bartolomeo

Il bilancio dell'ultimo fine settimana: il luogo più amato resta la chiesa di Santa Caterina, con il suo trionfo di stucchi di Procopio Serpotta. In coda anche numerosi turisti armati di piantina, guida e smartphone: un esercito agguerrito che si è snodato tra oratori, chiese, bunker, voli e salotti 

Il Loggiato San Bartolomeo (lato Cala)

E sono centoquindicimila, in due soli fine settimana. Perché se lo scorso fine settimana erano stati quasi 50 mila i visitatori de Le Vie dei Tesori a Palermo, Catania, Ragusa, Modica e Scicli, questo weekend si tratta di 65 mila visitatori ed è la sola Palermo a sfiorare le 52 mila visite. Il capoluogo naviga con il vento in poppa, dividendosi equamente tra i siti visitabili con coupon semplice, quelli su prenotazione, ma anche esperienze, visite teatralizzate e il concerto barocco, tutti sold out. 

I visitatori hanno riempito il centro storico ma hanno anche invaso siti da raggiungere fuori porta. Segno che il viaggiatore appassionato de Le Vie dei Tesori non si ferma al primo luogo più vicino, ma ama scoprire, leggere, ascoltare. Palermitani e tantissimi turisti, in coda, armati di piantina, guida e smartphone, un esercito agguerrito che si fronteggia a colpi di oratori, chiese, bunker, voli, salotti.  

Il luogo più amato a Palermo – sfiora stavolta i duemila visitatori - resta la chiesa di Santa Caterina, con il suo trionfo di stucchi di Procopio Serpotta e gli splendidi marmi mischi; ma è molto interessante notare che il secondo sito scelto è una new entry, ovvero il Loggiato San Bartolomeo, da pochi mesi restituito alla città: da quassù lo sguardo spazia su tutto il water front di Palermo e, girandosi verso monte, abbraccia l’intero centro storico. E il monastero di clausura annesso alla Chiesa, è quarto dietro il rifugio antiaereo sotto Palazzo delle Aquile – quest’anno visitabile soltanto il sabato e la domenica – che supera di parecchio i mille visitatori.

E’ andato benissimo anche l’aeroporto di Boccadifalco che ha non solo permesso di scendere nei suoi due bunker, ma ha aperto anche la torre di controllo, che si raggiunge con un trenino: lo hanno scelto mille visitatori e quasi un centinaio hanno partecipato al primo aperitivo tra gli aerei dell’hangar. Sold out le visite sia alla Banca d’Italia – che ha aperto soltanto questo weekend – che alla sede della prefettura di Villa Whitaker: e coloro che non sono riusciti ad entrare stanno già prenotando la visita a Villa Pajno che aprirà invece nel prossimo fine settimana. Tra le scuole che partecipano a Le Vie dei Tesori, la più gettonata resta l’Educandato Maria Adelaide, dove le allieve raccontano i fasti del nobile convitto per “nobili zitelle”. Toccante la visita alle due sedi della Missione di Biagio Conte – i visitatori uscivano con i lucciconi agli occhi – e all’Istituto Padre Messina, probabilmente trascinato dal rifacimento del porticciolo di Sant’Erasmo, appena inaugurato; e tra i luoghi fuori porta, in trecento hanno voluto raggiungere il Convento e il cimitero di santa Maria del Gesù dove le visite sono condotte dagli stessi parrocchiani.

Ma questo è stato soprattutto il weekend delle “esperienze”: si è provato di tutto, il concerto di chitarra del Duo Sambossa all’oratorio di san Lorenzo era sold out, ma è stata la visita teatralizzata a Villa Malfitano a registrare il successo più commovente. Stefania Blandeburgo ha vestito panni, guanti e cappellino di Delia Whitaker, l’ultima discendente, e ha raccontato la sua “casa”, la sua camera, i salotti, cucendo insieme (testi di Piero Longo) le vicende della famiglia inglese di imprenditori che tanto influirono sulla Palermo a cavallo delle guerre. Anche Pietro Massaro, calato nei panni di un misero poeta o di un valente cavaliere, ha retto perfettamente le visite. Poi tutte le altre “esperienze”: quasi sold out le visite in notturna all’Orto Botanico, tra piante e fiori che di notte sembrano nascere dal buio; dai voli in Piper (esauriti) ai tour nel quartiere Danisinni alla scoperta del Museo sociale, alle visite vis à vis nei laboratori dei pupari. Gettonate anche le due mostre: “Look up!”, immagini “a naso in su” di Salvo Gravano, che hanno introdotto la visita a Palazzo Zingone Trabia, ai “Capolavori perduti” a Palazzo Abatellis, che apriva (con un coupon diverso) anche le terrazze e i laboratori di arazzi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Straordinario ritrovamento a Caltavuturo: scoperta strada del secondo secolo Dopo Cristo

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Coronavirus, in Sicilia ci sono altri 77 casi: positiva un'infermiera all'Ingrassia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento