rotate-mobile
Cronaca Piazza Verdi

"Le parole rubate", il Teatro Massimo si veste di lenzuoli

Applausi, ovazioni, occhi commossi per lo spettacolo dedicato ai misteri dietro le stragi del 1992 e andato in scena in occasione del venticinquennale dell'attentato di Capaci

Applausi, ovazioni, occhi commossi ieri sera per "Le parole rubate", lo spettacolo dedicato ai misteri dietro le stragi del 1992 e andato in scena al Teatro Massimo in occasione del venticinquennale dell'attentato di Capaci. Platea e palchi gremiti da magistrati, giornalisti, famiglie, giovani hanno applaudito il protagonista Ennio Fantastichini, il compositore Marco Betta, il regista Giorgio Barberio Corsetti, il direttore Yoichi Sugiyama, i giornalisti Gery Palazzotto e Salvo Palazzolo, autori del testo. 

Due oggetti in scena, simbolo dei più grandi misteri delle stragi del 1992: il computer di Giovanni Falcone, forse violato per trafugare i file più scottanti; la borsa vuota di Paolo Borsellino, priva dell’agenda rossa su cui il magistrato custodiva gli appunti più riservati. Grande emozione quando, nel finale dello spettacolo, da ogni palco è sceso un lenzuolo bianco, memoria della rivolta civile dopo le stragi, su cui sono state proiettate le domande senza risposta sulle stragi e le immagini dei volti delle vittime. Immagini a questo link.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Le parole rubate", il Teatro Massimo si veste di lenzuoli

PalermoToday è in caricamento