rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca Libertà / Viale Lazio

I lavori "infiniti" a villa Costa, il Comune: "Ritardi dovuti a Covid e piogge, entro febbraio la riapriremo"

E' quanto assicurano gli assessori Fabio Giambrone e Sergio Marino, che oggi hanno fatto il punto sulla riqualificazione del "polmone verde" definitivamente chiuso al termine del lockdown del 2020. Dopo i raid vandalici, chiesti più controlli alla polizia municipale

"I lavori a villa Costa saranno completati entro il mese di febbraio". E' quanto assicurano gli assessori Fabio Giambrone (Decoro urbano) e Sergio Marino (Verde), che oggi hanno fatto il punto della situazione assieme al presidente dell'ottava circoscrizione Marco Frasca Polara, al comitato cittadino Villa Costa e ai dirigenti di Comune e Reset.

Lo spazio verde di fondo Terrasi - che si trova fra viale Lazio, viale Campania, via Empedocle Restivo e via Brigata Verona - ha ospitato fino al 2018 il Costes: un caffè letterario divenuto con il tempo un punto di riferimento per la movida. Il mancato rinnovo della concessione ha fatto sì che la struttura venisse pian piano abbandonata e presa di mira dai vandali; mentre il giardino è rimasto aperto solamente qualche giorno a settimana. Tutto ciò prima della chiusura definitiva, scattata al termine del lockdown del 2020.

Dall'aprile dello scorso anno, sulla spinta del comitato cittadino Villa Costa (che ha raccolto 2.500 firme per chiedere la riapertura), sono iniziati i lavori di sistemazione del "polmone verde" ad opera degli operai di Reset e Coime. Lavori che - contrariamente alle previsioni iniziali del Comune, secondo cui sarebbero dovuti durare qualche mesetto - sono ancora in corso. 

"Sebbene i lavori siano stati influenzati dal Covid, che ha ridotto continuamente le maestranze impegnate, e dalle copiose piogge, abbiamo tenuto comunque alta l'attenzione e per questo occorre ringraziare tutti coloro che si stanno impegnando per il raggiungimento di questo obiettivo". A dirlo sono sempre i due esponenti della Giunta Orlando, che su richiesta del comitato cittadino, interesseranno il comandante della polizia municipale per intensificare i controlli ed evitare il ripetersi dei raid vandalici. Tra le opere previste c'è anche il ripristino dei giochi - attualmente fuori uso - che si trovano nel roseto di viale Campania. 

La speranza adesso è che si arrivi il prima possibile alla riapertura e, a differenza del passato, villa Costa non venga più abbandonata e bersagliata dai vandali. "Il percorso partecipativo avviato per il recupero del giardino - sostiene Katia Orlando, consigliere di Sinistra Comune - rappresenta un importante esempio da ripetere altrove in città. Sono certa che la riapertura della villa migliorerà la vivibilità del quartiere, offrendo occasione di svago e benessere ai tanti cittadini che attendono di poter godere di un bene della comunità cittadina".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I lavori "infiniti" a villa Costa, il Comune: "Ritardi dovuti a Covid e piogge, entro febbraio la riapriremo"

PalermoToday è in caricamento