Solai a rischio e lavori urgenti, chiusi gli uffici del Palazzo ex Eas

Il provvedimento vieta l'ingresso a personale, avvocati e utenti sino a quando non verranno effettuati i lavori di messa in sicurezza. Gli amministrativi trasferiti temporaneamente al secondo piano del palazzo vecchio

Sulla sinistra il Palazzo ex Eas (foto archivio)

Emergenza sicurezza negli uffici del Palazzo ex Eas. Il presidente della Corte d’Appello facente funzioni del tribunale di Palermo Giacomo Montalbano ha firmato un decreto in cui vieta l’ingresso al personale nell’edificio che si trova vicino al palazzo vecchio del tribunale. Un provvedimento reso indispensabile dopo l’ordinanza dello scorso 30 luglio emessa dal provveditorato alle opere pubbliche. Qualcosa però non avrebbe funzionato sotto il profilo comunicativo, tanto che ieri mattina in cinquanta fra avvocati e utenti sono rimasti davanti all’ingresso attendendo che qualcuno aprisse le porte.

L’interdizione temporanea riguarda 3 piani e oltre 60 locali e resterà tale sino a quando non verranno eseguite le “indispensabili e non rinviabili misure provvisionali di messa in sicurezza delle stanze nelle quali è stato rilevato un rischio alto di sfondellamento dei solai sovrastanti”. Il personale amministrativo non potrà quindi accedere e dovrà “attestare la propria presenza nelle apparecchiature ubicate nel palazzo di giustizia. Sarà cura dell’ufficio logistico - si legge nella disposizione firmata dal presidente del tribunale Salvatore Di Vitale e dal dirigente Angelo Augello - fornire istruzioni sulla nuova locazione del personale per la prosecuzione delle attività giudiziaria di competenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Appresa la notizia i dirigenti sindacali di Confintesa funzione pubblica Cristoforo Alvich, Mariella Lodato e Rosalba Trombadore, hanno chiesto ai vertici della corte d’appello di fissare con urgenza un incontro per discutere delle modalità del temporaneo trasloco temporaneo dal palazzo dell’ex Ente acquedotti siciliani. In attesa che venga presa una decisione sull’eventuale ristrutturazione integrale dell’edificio gli uffici delle esecuzioni immobiliari e del giudice onorario civile, il tribunale del lavoro e il personale dell’archivio sono stati spostati al secondo piano del palazzo vecchio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, coinvolto il cantante De Martino: morto un sessantenne

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: "Un esercito di medici per contrastare il Covid"

  • Apre a Palermo l'Antica pizzeria da Michele, dopo Napoli è l'unica del Sud Italia

  • Omicidio a Camporeale, colpi di pistola in piazza: morto un ragazzo di 26 anni

  • Maestra positiva al Covid e classe d'asilo in quarantena, i genitori: "Comunicazione arrivata tardi"

  • Gli insulti, la sparatoria in piazza e la chiamata al 112: "Questa è l'arma con cui l'ho ucciso"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento