Lavori per la rete del metano, da mercoledì chiuso tratto di via Ciaculli

Stop alle auto nella semicarreggiata interessata dagli scavi, la strada rimarrà percorribile in entrambi i sensi di marcia e saranno installati semafori che disciplineranno l’alternanza dei mezzi

foto archivio

Al via i lavori per portare il metano anche nella zona di Ciaculli. Mercoledì le squadre dell'Amg Energia inizieranno gli scavi per la posa dei tubi in via Ciaculli, nel tratto compreso tra viale Regione Siciliana (corsia laterale direzione Catania) e via Mellendez. L’intervento riguarderà tutta via Ciaculli, via Cassaro Bonanno, corso dei Mille Croceverde Giardini e le traverse. Le squadre procederanno gradualmente, lavorando di volta in volta porzioni delle strade principali e traverse in modo da limitare disagi alla circolazione. La fine dei lavori è prevista per il 31 marzo.

Previste anche delle limitazioni alla circolazione stradale in concomitanza con il cantiere. Come previsto dall’ordinanza del settore Mobilità del Comune, nel primo tratto di via Ciaculli, a partire da mercoledì sarà chiusa la semicarreggiata interessata dai lavori: la strada rimarrà percorribile in entrambi i sensi di marcia e saranno installati semafori che disciplineranno l’alternanza dei mezzi.

Per tutta la durata dei lavori l’ordinanza istituisce, inoltre, il divieto di sosta, su entrambi i lati della carreggiata con rimozione coatta in vigore nell’intero arco delle 24 ore e il divieto di transito pedonale nei marciapiedi interessati. Scatta, infine, il divieto di transito per i mezzi di portata superiore a 35 quintali che saranno dirottati sulla bretella laterale dell’autostrada Palermo-Catania.

Il progetto, il cui importo complessivo è di euro 1.620.000, è stato redatto dai tecnici di Amg Energia ed è stato appaltato all’impresa “Costruzioni San Francesco” di Mussomeli, per la sua realizzazione il Comune di Palermo ha richiesto un mutuo alla Cassa Depositi e Prestiti. "Si prevede - spiega l'Amg in una nota - l’estensione della rete di distribuzione del metano, mediante la posa di tubazione in acciaio con rivestimento in triplo strato di polietilene, per una lunghezza complessiva di circa 7.860 metri. Via Ciaculli verrà interamente metanizzata e verranno realizzate estensioni della rete per servire le traverse e le strade più densamente abitate della zona. L’intervento di Amg è finalizzato alla posa della rete principale del metano: come da prassi, gli allacciamenti dovranno poi essere richiesti dai cittadini interessati alla fornitura del gas, non appena la rete verrà messa in servizio. Amg informerà i residenti sia dell’attivazione della nuova rete che delle procedure da seguire per le richieste di preventivo. In considerazione della densità abitativa della zona, la nuova rete consentirà l’estensione del servizio metano a circa mille famiglie. Il completamento delle opere è previsto entro dodici mesi. Con la realizzazione dei lavori a Ciaculli, ad eccezione della zona di Bellolampo (attraversata dalla condotta di avvicinamento che porta il metano in città) Palermo non ha più zone interamente prive di metanizzazione".

“Amg Energia, in più fasi, ha lavorato per estendere ad ampio raggio la metanizzazione in città, con grande attenzione anche alle periferie – sottolinea il presidente Daniela Faconti -. L’intervento che stiamo realizzando a Ciaculli, in piena sinergia con l’Amministrazione comunale, è un altro tassello di questo mosaico, nell’ottica di offrire un servizio capillare e di qualità”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • Coronavirus, divieto di spostamenti tra regioni valido anche per quelle in area gialla

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Annientata la Cupola di Cosa nostra: arrivano 46 condanne, inflitti oltre 4 secoli di carcere

Torna su
PalermoToday è in caricamento