Cronaca Tribunali-Castellammare / Foro Italico Umberto I

Quella fogna che scaricava in mare: lavori finiti, "mai più liquami a Sant'Erasmo"

Inaugurato l'impianto di rilancio finalizzato alla razionalizzazione del nodo fognario. Gli interventi di ripristino sono durati circa dieci mesi e costati duecentomila euro. Orlando: "Passo avanti per la riqualificazione della costa sud e dei quartieri che si trovano oltre il fiume Oreto"

Orlando durante l'inaugurazione del nuovo impianto

Un intervento che da queste parti aspettavano in tanti. Anche il sindaco Leoluca Orlando ha partecipato all’inaugurazione dell’impianto di rilancio finalizzato alla razionalizzazione del nodo fognario Sant’Erasmo. Alla cerimonia, erano presenti, tra gli altri, il presidente della seconda circoscrizione, Antonio Tomaselli, i vertici dell' Amap che ha curato i lavori, con il presidente Maria Prestigiacomo, ed ancora, il direttore Girolamo Sparti, il direttore dei lavori Guido Riina, Vincenzo Taormina e Maurizio Bisso, responsabile del settore Manutenzioni.

Inattivo da poco meno di trent’anni, nell’ambito del processo di riqualificazione della Costa Sud e della rinascita della città oltre l’Oreto, l’impianto, i cui lavori di ripristino sono durati circa dieci mesi e costati duecentomila euro, eviterà in futuro il ripetersi di fuoriuscite di liquami sul piazzale attiguo e consentirà agli abitanti del quartiere di essere esposti ad inevitabili rischi igienico-sanitari. In particolare, l’impianto è formato da due vasche, la prima conterrà i liquami e separerà, grazie ad una griglia, i componenti liquidi da quelli solidi. La seconda, è dotata di due elettropompe che attraverso una centralina, porterà le acque nere in un emissario che si trova al Foro Italico, in corrispondenza dell' incrocio con via Lincoln. I liquami arriveranno, successivamente, al sistema in corrispondenza di Porta Felice per confluire al depuratore di Acqua dei Corsari.

“Con questa opera – ha detto il sindaco Orlando – l’amministrazione compie un nuovo significativo passo avanti  verso la completa riqualificazione della costa sud e dei quartieri che si trovano oltre il fiume Oreto, mantenendo cosi gli impegni presi nei mesi scorsi con i cittadini dell’intera zona”.

“Sono molto contenta che Amap – ha detto il presidente Maria Prestigiacomo  -abbia contribuito a risolvere questo annoso problema, dando un segnale concreto di come l’azienda opera a servizio dei cittadini”. Per il presidente della seconda circoscrizione, Antonio Tomaselli, "L'attivazione di questo impianto, per cui la circoscrizione si era più volte interessata, rappresenta un'importante risultato per la vivibilità dell'area".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quella fogna che scaricava in mare: lavori finiti, "mai più liquami a Sant'Erasmo"

PalermoToday è in caricamento