Cronaca Montepellegrino / Via Montepellegrino

Finiti i lavori al canale Passo di Rigano: in via Montepellegrino salta il "tappo" di fronte allo scaro

Oggi è attesa la riapertura completa della strada. "Sono stati undici mesi di passione" dice il presidente della commissione Urbanistica, Mimmo Russo, che annuncia pure la rimozione del "cantiere gemello" in viale Regione Siciliana all'altezza di Lidl. "Entro fine mese verrà ripristinata la viabilità sulla circonvallazione"

Via Montepellegrino

Finiti i lavori alla copertura del canale Passo di Rigano, è attesa oggi la riapertura al traffico del tratto di via Montepellegrino di fronte al mercato ortufrutticolo. In giornata, infatti, gli operai della ditta appaltatrice dei lavori dovrebbero rimuovere blocchi e transenne.

"Sono stati undici mesi di passione per i cittadini, i commercianti e gli stessi operatori dello scaro" dice il presidente della commissione Urbanistica Mimmo Russo (Fratelli d'Italia), che dà anche un'altra notizia sul "cantiere gemello" di viale Regione Siciliana all'altezza di Lidl: "Entro fine mese verrà completato anche questo intervento e salterà il 'tappo' sulla circonvallazione".

I due interventi, iniziati a cavallo tra ottobre e novembre del 2020, e che sarebbero dovuti durare al massimo tre mesi, hanno subito più di un ritardo. In base alle ultime previsioni dovevano essere completati tra aprile e maggio scorsi. Così non è stato. In entrambi i casi, infatti, c'è voluto più tempo del previsto per mettere in sicurezza i canali Mortillaro e Passo di Rigano. In viale Regione i rallentamenti ai lavori sono stati causati da un cedimento nel punto in cui il canale Passo di Rogano si unisce al Mortillaro; in via Montepellegrino invece i ritardi si sono verificati per la necessità di spostare alcuni cavi ad alta tensione.

"La ditta alla quale è stato assegnato l'appalto - spiega Russo - ha dovuto anticipare alcune somme ad un'azienda specializzata per effettuare lo spostamento dei cavi: praticamente da parte dell'amministrazione comunale non c'è stato nessun supporto. Adesso con la rimozione del cantiere sarà più agevole l'ingresso e l'uscita dei mezzi pesanti dal mercat ortofrutticolo e in generale migliorerà la viabilità dell'intera via Montepellegrino. Resta il fatto che, malgrado la disponibilità dei finanziamenti concessi dal ministero dell'Interno, 500 mila euro per i due lavori, è stato necessario ricorrere a debiti fuori bilancio perché il Comune ha approvato il bilancio di previsione 2020 lo scorso 31 dicembre. Motivo per cui gli uffici non hanno potuto fare una normale gara d'appalto ma hanno affidato i lavori con procedura di somma urgenza".       

Russo infine auspica "una maggiore sinergia fra le imprese appaltatrici e il Comune, nel caso in ciu si verifichino degli inconvenenti, in modo tale da avere scadenze certe sulla fine dei lavori. In questo caso è stata la commissione Urbanistica a surrogare l'amministrazione attiva, constatando lo stato dei luoghi, che andrebbero bonificati dalla Rap, ma soprattutto confrontandosi con i dirigenti del Comune e con i rappresentanti della ditta che ha eseguito i lavori".

"Nonostante i disagi - dichiara l'assessore comunale ai Lavori pubblici Maria Prestigiacomo - siamo soddisfatti di avere insistito per la realizzazione dell’opera finanziata con fondi del ministero dell'Interno e per la quale abbiamo dovuto ricorrere ad una somma urgenza, pena la perdita del finanziamento. Si precisa, infatti, che la manutenzione dei canali di maltempo, una volta istituite le Autorità di Bacino, è di competenza regionale ma il Comune vista la grave situazione ha deciso di intervenire coi fondi messi a disposizione dallo Stato".

"Adesso che la via Montepellegrino è stata riaperta al traffico, bisogna completare l'opera adeguando la segnaletica verticale e restituendo ai cittadini i tanti posti auto sottratti - dice Marco Frasca Polara, presidente della VIII circoscrizione -. Occorre, inoltre, impegnarsi per restituire un po' di decoro a questa strada. Ho già chiesto a Rap la pulizia straordinaria e una nuova distribuzione dei contenitori".

"Il cantiere durato dieci mesi ha subito diverse interruzioni e ha creato non pochi disagi alla circolazione stradale. In tutti questi mesi - continua Frasca Polara - come consiglio dell'VIII circoscrizione abbiamo seguito da vicino l'andamento dei lavori, cercando di comprendere la ragione dei ritardi ed evitando di soffiare sul fuoco del malcontento. A pagare il prezzo più alto sono stati i commercianti e i residenti della zona. A loro va la nostra solidarietà". 

Articolo aggiornato il 14 agosto 2021 alle ore 18.30 // inserita dichiarazione Frasca Polara

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finiti i lavori al canale Passo di Rigano: in via Montepellegrino salta il "tappo" di fronte allo scaro

PalermoToday è in caricamento