"La città è in ginocchio", la rabbia dei commercianti per i cantieri lumaca

Patrizia Di Dio, presidente di Confcommercio Palermo, ha chiesto un incontro urgente ai vertici di Rfi, Tecnis e al vicesindaco Emilio Arcuri lamentando "la lentezza dell'andamento dei lavori" per l'anello ferroviario

"Città in ginocchio per i numerosi cantieri di lavoro". E' quanto lamenta Patrizia Di Dio, presidente di Confcommercio Palermo, che ha chiesto un incontro urgente ai vertici di Rfi, Tecnis e al vicesindaco Emilio Arcuri (che ha la delega alle Infrastrutture) per "la lentezza dell’andamento dei lavori per la realizzazione dell’anello ferroviario sotterraneo". I cantieri al momento interessano l’asse di via Emerico Amari/piazza Politeama e viale Lazio/via Sicilia.
 
“Da oltre un anno chiediamo tempi certi e la possibilità di prevedere indennizzi in favore degli esercenti che si trovano in prossimità di questi cantieri – scrive Patrizia Di Dio -. Ci sembra che ad oggi nessuna di queste richieste abbia trovato accoglimento. Chiediamo il rispetto di coloro che vedono calpestati i propri diritti di fare impresa e che versano in una preoccupante e grave situazione. Le attività patiscono oggettivi disagi e difficilmente saranno in grado di resistere per molto tempo e ciò  è drammaticamente inaccettabile”.
 
“Il crono programma, a suo tempo condiviso dall’amministrazione comunale e da Rfi/Tecnis – sottolinea Patrizia Di Dio - è ormai saltato da tempo e non abbiamo notizie o aggiornamenti in merito a una sua possibile rielaborazione. Da mesi non abbiamo notizie e non possiamo dare risposte a chi invoca aiuto o chiede semplicemente e, soprattutto, più che legittimamente, di essere aggiornato per pianificare le attività della propria impresa, oltre che garanzie sulla sicurezza dei luoghi dopo alcuni incresciosi episodi. Ribadiamo inoltre – precisa Di Dio - la richiesta di sostenere gli esercenti annullando o riducendo il peso dei tributi locali”.
 
“A tutto questo si aggiunge la preoccupazione per la situazione di caos lungo l’asse del Porto, insostenibile  per il commercio e per la stessa città – continua Patrizia Di Dio – anche in considerazione che nei prossimi giorni sembrerebbe prevista la chiusura di una carreggiata di via Crispi. Riteniamo che su questo fronte dovrebbe essere scontato uno slittamento della chiusura fino a quando non sarà risolta la situazione di emergenza nell’accesso al porto e fino a quando non sarà ridotto il flusso di turisti di rientro dalle ferie estive. Non comprendiamo, infatti – conclude Patrizia Di Dio - il sorgere di ulteriori cantieri, quando quelli attualmente aperti sono già disertati dai lavoratori della Tecnis e per i quali, se a breve non si sarà in grado di garantire tempi adeguati e certi, con il giusto recupero del tempo perso nel frattempo per i problemi della stessa Tecnis, sarebbe più che opportuno chiedere il ripristino dei luoghi, in attesa che vengano attuate le indispensabili e più che legittime garanzie a tutela delle attività che insistono in queste aree”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Calcio palermitano in lutto, è morto Carmelo Bongiorno

  • Reddito di cittadinanza, parte la fase 2: i lavori socialmente utili diventano obbligatori

  • Blitz antimafia a Belmonte Mezzagno, quattro arresti: "In carcere il nuovo capo"

  • Spopola a Palermo la truffa dello specchietto: "Piovono segnalazioni..."

Torna su
PalermoToday è in caricamento