Stipendi in ritardo, la replica della Mondialpol: "Situazione eccezionale che si risolverà a breve"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Con riferimento all’articolo di stampa riguardante Mondialpol Security S.p.A. si rappresenta che Saves – sindacato autonomo locale con un esiguo numero di iscritti – fa un uso del tutto improprio dello strumento della stampa, alimentando anche sui social network una vera e propria macchina del fango ai danni della società. Mondialpol Security S.p.A. è sempre contraddistinta per il pieno rispetto del CCNL applicato e la tutela del lavoro.

Le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative erano infatti state debitamente informate della momentanea e transeunte situazione di carenza di flussi di cassa che ha – fatto mai avvenuto – costretto gli amministratori a versare prioritariamente i contributi previdenziali per ottenere il DURC regolare e non avere conseguenza alcuna sulla regolarità dei pagamenti della pubblica amministrazione. Gli enti committenti hanno registrato fortissimi ritardi nei pagamenti e ciò ha determinato un’eccezionale carenza di liquidità che andrà a risolversi di qui a breve.

La organizzazioni rappresentative del settore – debitamente informate al riguardo – hanno inviato i lavoratori a tollerare una modesta dilazione e, come di consueto hanno assunto un atteggiamento tollerante e collaborativo, non essendo in cerca di bizzarri protagonismi sulla scena sindacale in ragione del ruolo consolidato e del consistente numero di iscritti. Sono giunti persino attestati di solidarietà da parte di gruppi di lavoratori (in particolare le guardie giurate di Partinico e Alcamo), del tutto fiduciosi sulla solidità della società e sulla transitorietà del ritardo nel pagamento delle retribuzioni.

Mondialpol Security S.p.A. ha infatti ampiamente rassicurato i lavoratori che quanto dovuto verrà corrisposto nel mese di gennaio. I lavoratori sono bene consapevoli che non vi è alcuna volontà da parte della società di sottrarsi agli obblighi contrattuali e che a breve – grazie agli incassi da parte delle amministrazioni committenti – la situazione tornerà alla normalità.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento