Cronaca Termini Imerese

Lavoratori Blutec in bilico da undici anni: "Basta perdere tempo"

Il progetto relativo alla riconversione del polo industriale di Termini Imerese è fermo negli uffici del ministero dello Sviluppo economico. Le tute blu riunite in assemblea per chiedere alle istituzioni regionali e nazionali di "agire in tempi brevi, rispettando gli impegni presi"

Il ministero dello Sviluppo economico, il 5 febbraio scorso, avrebbe dovuto pronunciarsi sul progetto di riconversione industriale per l'ex fabbrica Fiat di Termini Imerese e individuare una soluzione occupazionale per gli oltre 635 lavoratori in cassa integrazione da oltre 10 anni.

"La caduta del Governo ha fermato tutto e al momento, nonostante l'insediamento del nuovo Esecutivo e la nomina del nuovo ministro, non si hanno riscontri concreti su chi sta seguendo la crisi dello stabilimento siciliano", dicono il segretario nazionale Fim Cisl, Ferdinando Uliano, e il segretario generale Fim Cisl Palermo Trapani, Antonio Nobile.

Per chiedere alle istituzioni regionali e nazionali di "agire in tempi brevi, rispettando gli impegni presi" stamani i lavoratori si riuniranno in assemblea, a partire dalla 9.30, davanti i cancelli della fabbrica. "Non si può perdere ulteriore tempo, lo diciamo con forza al nuovo ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti", dicono le parti sociali, ricordando che "dall'inizio della vertenza dello stabilimento di Termini Imerese con la comunicazione di chiusura del sito sono passati 11 anni".

Fonte AdnKronos

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoratori Blutec in bilico da undici anni: "Basta perdere tempo"

PalermoToday è in caricamento