menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Corleone, il laboratorio d'analisi si trasferisce: struttura potenziata attivata in ospedale

La struttura servirà tutto il distretto sanitario. All'interno sarà possibile effettuare tutti gli esami di base anche per le urgenze del nosocomio. Il 16 gennaio s'inaugura il nuovo pronto soccorso

Sono 220 mila l’anno gli esami che vengono assicurati a degenti ed utenti esterni dal laboratorio d’analisi del “Dei Bianchi” di Corleone. La struttura riqualificata e potenziata è stata attivata questa mattina nei nuovi locali del “Corpo A” dell’ospedale. Presenti tra gli altri il direttore generale dell’Asp di Palermo Antonio Candela, il direttore sanitario Giovanna Volo e il direttore amministrativo Salvatore Strano. 

Nella struttura, grande circa 200 metri quadrati, lavorano tre dirigenti (2 medici ed un biologo) e quattro tecnici che garantiscono tutti gli esami di base anche per le urgenze ed emergenze del nosocomio. Il laboratorio di Corleone, rinnovato ed aggiornato anche dal punto di vista tecnologico, è collegato in rete con gli altri cinque laboratori distribuiti nel territorio dell’Azienda sanitaria provinciale e con l’Unità operativa di medicina trasfusionale.

“E’ una struttura che serve, non solo l’ospedale ‘Dei Bianchi’, ma tutto il territorio del distretto di Corleone – ha sottolineato il direttore generale dell’Asp – è stata organizzata un’attività di prelievo che dà la possibilità all’utente, una volta la settimana, di sottoporsi agli esami nel proprio Comune di residenza. Il referto viene poi inviato attraverso internet ai cittadini del comprensorio che hanno, così, la possibilità di usufruire del servizio senza doversi più recare a Corleone”.

L’attivazione del nuovo laboratorio d’analisi dell’ospedale “Dei Bianchi” fa seguito a quella delle due nuove sale parto e della nuova area di radiodiagnostica (dopo 4 anni aperta anche all’utenza esterna con 500 esami effettuati dal primo dicembre scorso ad oggi). “Siamo impegnati in un percorso di riqualificazione e potenziamento dell’offerta sanitaria che ha comportato un investimento di 2 milioni e mezzo di euro nel solo ospedale di Corleone – ha spiegato Candela – il 16 gennaio sarà attivato anche il nuovo Pronto Soccorso e, poco dopo, ci sarà il completamento di tutte le strutture ospitate nel nuovo ‘braccio’ dell'Ospedale”.

A margine della “consegna” del nuovo laboratorio d’analisi, i vertici dell’Asp di Palermo hanno tracciato un bilancio d’attività dell’ospedale. “Nel 2014 sono stati 1.771 i pazienti ricoverati, mentre nel 2015 i degenti sono stati 1.749, un dato in linea con quello di quest’anno - ha commentato Candela -  il tasso di occupazione dei posti-letto è superiore all’85%. Viene confermato anche nel 2016 il dato (90,48%, ndr) al di sotto della media nazionale della degenza post-operatoria inferiore a tre giorni dei pazienti sottoposti a Colecistectomia laparoscopica. Nel 2016 sono aumentati, invece, del 20 % il numero dei parti ed il numero dei ricoveri in Ostetricia e Ginecologia, mentre sono diminuiti i tagli cesarei (dal 27% del 2015 si è passati al 23% dell’anno in corso, ndr). Sono dati di risultato – ha concluso il Direttore generale dell’Asp di Palermo - perfettamente in linea con la mission della struttura”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento