menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'avviso che indica la sospensione del servizio

L'avviso che indica la sospensione del servizio

Disagi al Policlinico: piastre e tamponi esauriti, impossibile diagnosticare le infezioni

Indagini microbiologiche sospese dal 7 marzo. Dall'ufficio relazioni con il pubblico spiegano che la gara per l'acquisto dei materiali è scaduta. Bisogna quindi fare un nuovo bando: "Ci scusiamo per i disagi"

Indagini microbiologiche sospese dallo scorso 7 marzo al Policlinico Paolo Giaccone. Impossibile quindi diagnosticare le malattie infettive. "Mancano i materiali" necessari per effettuare gli esami, si legge nella comunicazione firmata dalla dottoressa Anna Giammanco, responsabile del dipartimento di diagnostica di laboratorio della struttura ospedaliera universitaria che avvisa gli utenti del disservizio.

"La dottoressa Giammanco - spiega Rosaria Licata, dell'ufficio relazioni con il pubblico - già nelle scorse settinane aveva segnalato che le scorte stavano per esaurirsi. C'è stato un problema amministrativo: la gara d'appalto è scaduta e le autorità hanno vietato la proroga". La direzione del Policlinico si scusa per il disagio e consiglia agli utenti di andare nelle altre strutture pubbliche, in quelle convenzionate o nei laboratori privati dove si effettuano questo tipo di esami. "Nei prossimi giorni - continua Licata - comunicheremo quando i laboratori torneranno operativi".  

Dato che i materiali necessari per effettuare gli esami, dal tampone faringeo, alle piastre per la microcoltura qualche settimana fa stavano per esaurirsi, la direzione ha deciso di utilizzare quello che restava per i pazienti interni e nel frattempo ha segnalato il problema al direttore sanitario che si è attivato per avviare la nuova gara.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento