L'Sos di Confintesa: "Sferracavallo nell’incuria più totale"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Di questi giorni la notizia della giornalista aggredita a Sferracavallo da gente certamente poco raccomandabile, nella giornata di Ferragosto poichè aveva 'osato' girare un servizio sulle tendopoli e i bivacchi che si erano creati in occasione della festività nonostante i divieti imposti dalle autorità regionali e nazionali a causa del Covid-19. Purtroppo le tendopoli e i bivacchi a Sferracavallo non sono legati unicamente al Ferragosto, ma si verificano quotidianamente, ciò oltre alla immondiziata generata da questa situazione, immondizia lasciata ovunque e raccolta di rado". Lo denuncia Domenico Amato, segretario territoriale di Confintesa Palermo.

Secondo il sindacalista "Sferracavallo ne ha certamente perso in termini di attrattiva turistica; oltre a questo si segnalano l’assenza di una stazione di carabinieri e/o polizia che costituirebbbe certamente un deterrente a certi attegiamenti, l’assenza di una delegazione comunale e la scarsa pulizia del territorio". 

"Ci auguriamo che le autorità competenti provvedano il prima possibile alla risoluzione degli increscioni avvenimenti sopra evidenziati, i cittadini di Sferracavallo ( circa 7.000 persone) hanno il diritto di riappropiarsi del proprio territorio e di poter sfruttare le bellezze paeseggistiche in piena sicurezza, come gli abitanti di altre borgate più tutelate”, conclude Amato.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento