rotate-mobile
Cronaca

Ksm, obbligo di dimora per il patron Basile: "Consegnati tabulati falsi"

Nuova ordinanza di custodia per Rosario Basile. Coinvolto anche il figlio Filippo, legale rappresentante della società, e per l'ex vice questore Luigi Galvano che è titolare della licenza

Hanno depositato delle memorie difensive contenenti tabulati telefonici ritenuti falsi dagli investigatori. L’obiettivo era quello di dimostrare ai giudici che l’ex compagna del patron di Ksm avesse avuto una relazione proprio con un dipendente dell’istituto di vigilanza privata che, per questo motivo, era stato licenziato. I carabinieri hanno eseguito l’ordinanza di misura cautelare nei confronti di Rosario Basile, numero uno della Ksm, del figlio Filippo Basile, Francesco Paolo Di Paola e Luigi Galvano, ex vicequestore e titolare della licenza.

Ai quattro, oltre al divieto di ricoprire uffici direttivi all’interno delle società Ksm spa e Ksm service srl, vengono contestati i reati di errore determinato dall’altrui inganno, falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici, falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici e frode processuale (non per Galvano). Al patron di Ksm è stato imposto l’obbligo di dimora a Milano, mentre per Di Paola è scattato il divieto di dimora nel comune di Palermo. L’ordinanza del gip è stata richiesta dal procuratore capo di Palermo Francesco Lo Voi e dal sostituto procuratore Siro De Flammineis della Procura della Repubblica.

“I quattro, nell’ambito delle cause civili inerenti al licenziamento di due ex dipendenti Ksm e nel corso dell’interrogatorio di garanzia di Basile Rosario innanzi al Gip, conseguente all’esecuzione di altra misura cautelare nei suoi confronti ed innanzi al Tribunale del Riesame, hanno depositato memorie difensive - spiegano i carabinieri - contenenti tabulati telefonici che si sono rivelati alterati, traendo in inganno il giudice del lavoro di Palermo, il gip e il Tribunale del Riesame”. L’esibizione dei tabulati telefonici, in sede di causa civile innanzi al Tribunale di Palermo-Sezione Lavoro tra la società Ksm e un suo dipendente, aveva determinato il rigetto del ricorso del lavoratore e il conseguente licenziamento del dipendente.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ksm, obbligo di dimora per il patron Basile: "Consegnati tabulati falsi"

PalermoToday è in caricamento