Venerdì, 6 Agosto 2021
Cronaca

La Ksm commemora i suoi dipendenti caduti sul lavoro

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Giovedì 30 novembre alle 10,30 presso la centrale operativa della Ksm sita in via Giuseppe La Villa 25, si svolgerà la cerimonia di commemorazione dei Caduti di  Ksm. Nella circostanza, alla presenza del prefetto, delle autorità di pubblica sicurezza e di altre autorità istituzionali, insieme ai parenti dei Caduti, sarà scoperta la targa alla memoria.

Sono cinque le Guardie Giurate che, con zelo e attaccamento al servizio, si sono contraddistinte per il loro coraggio, e hanno perso la vita valorosamente nella lotta contro la criminalità: Alfonso Sgroi, deceduto in servizio il 26 aprile del 1979, in seguito ad una sparatoria con malviventi presso la sede della Cassa di Risparmio di via Mariano Stabile; Giuseppe Di Gregorio, deceduto in servizio il 12 giugno del 1979 in seguito ad una sparatoria, mentre era in servizio notturno in via Duca della Verdura; Aniello Langella, deceduto in servizio il 30 marzo del 1981, a seguito di una sparatoria con ignoti, riuscendo a sventare la rapina presso la Cassa di Risparmio, Agenzia 7, di Piazza Monte di Pietà; Riccardo Guastella, deceduto in servizio il 2 gennaio del 1994, per annegamento a causa del maltempo mentre effettuava servizio notturno in via Cristoforo Colombo; Francesco Mannino, deceduto in servizio il 3 agosto del 2001, durante una sparatoria con malviventi presso la Banca Mercantile di via Barone della Scala a Villagrazia.

Generale_Milillo-2
 
Per il presidente di Ksm, il generale Fausto Milillo “La sicurezza non è un optional, lo abbiamo sempre sostenuto e lo abbiamo sempre evidenziato nel mondo del fare, nell’assicurare e nel fornire servizi di alta competenza professionale e di alto spessore e nel voler fare con la dovuta attenzione ciò che è giusto, abbiamo anche voluto ricordare, in una fase di restyling operativa, i caduti di Ksm che con la loro evidente professionalità hanno saputo dimostrare, donando la loro vita, che la professionalità e la sicurezza non sono degli optional. Ksm ha ritenuto sempre che il ricordo di chi ci ha lasciati non è un solo fatto affettivo ma è una realtà che noi tutti, con il miglior sentimento che ci guida dal cuore, dobbiamo e possiamo provare e trasmettere. E’ il nostro modo di vivere e di pensare, dalle parole si deve sempre passare ai fatti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Ksm commemora i suoi dipendenti caduti sul lavoro

PalermoToday è in caricamento