rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca

Evade dopo un permesso premio: caccia al killer palermitano in fuga

Doveva scontare altri due anni dopo una lunghissima detenzione, ma ha deciso non ripresentarsi in carcere (a Livorno). Luca Lupo - condannato per omicidio e rapina - da domenica è svanito nel nulla. Indagini a tappeto in tutta Italia

Nel 2019 sarebbe stato definitivamente libero, a 42 anni, con tutta la vita davanti per ricominciare da zero, sui binari della legalità. E invece Luca Lupo, palermitano di 40 anni, ha scelto il colpo da teatro. Detenuto dal 1997, da domenica è latitante. In fuga, chissà dove. Doveva rientrare in carcere, a Livorno, dove è recluso, dopo un permesso premio di dieci giorni, ma non si è presentato e così sono partite subito le ricerche da parte delle forze dell’ordine. Una fuga che ha sorpreso tutti, quella di Lupo.

Il palermitano stava iniziando a intravedere la luce dopo più di vent’anni di reclusione. Dopo che quando era poco più che maggiorenne era stato condannato per l’omicidio di una persona durante una rapina. Il palermitano ha sfruttato il permesso premio per scappare: adesso risulta latitante e ricercato in tutta Italia.

Il killer palermitano è stato subito denunciato per evasione e la segnalazione della fuga è partita dalla polizia penitenziaria. Luca Lupo era considerato un detenuto modello, tranquillo e con un comportamento esemplare, ligio alle regole, sempre puntuale e rispettoso degli orari di rientro. Si era perfino "riciclato" come artista tra le sbarre del carcere livornese, cantando e suonando la chitarra con una band di detenuti. Un uomo sulla via del recupero sociale. Che però ha scelto improvvisamente la fuga. E nuovi guai.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Evade dopo un permesso premio: caccia al killer palermitano in fuga

PalermoToday è in caricamento