Cronaca Tribunali-Castellammare / Via Torremuzza

Blitz antiabusivismo alla Kalsa Momenti di tensione coi commercianti

Tre i ristorati multati in via Torremuzza, Foro Umberto I e via Crociferi per violazione sulle norme di tracciabilità del pesce e per aver occupato suolo pubblico a fini di lucro

Lotta agli abusivi e al commercio di pesce non certificato alla Kalsa. Ieri sera un blitz effettuato dalle forze dell'ordine ha provocato qualche momento di tensione. Che fortunatamente è rimasto sul piano verbale. Alla fine sono stati sanzionati diversi esercizi pubblici e fatte sgomberare sedie e tavolini posizionate in strada abusivamente. Si è trattato di un'operazione congiunta fra polizia del commissariato, dell’ufficio Prevenzione generale e soccorso Pubblico, dei vigili urbani, della capitaneria di porto e della guardia di finanza.

In via Torremuzza il proprietario di un ristorante è stato multato per avere violato le norme sulla rintracciabilità dei prodotti ittici. Dovrà pagare un verbale amministrativo di 1.500 euro. L’uomo, inoltre, è stato contravvenzionato e denunciato anche per avere occupato un’area urbana con sedie e tavoli. Non è andata meglio ad un collega di via dei Crociferi al quale la Capitaneria di Porto ha elevato una sanzione di 1.500 euro inerente sempre alla violazione delle norme sulla rintracciabilità dei prodotti ittici.

I controlli sono stati estesi anche nei confronti di pizzerie della zona. Nello specifico al titolare di una pizzeria in via Foro Umberto I è stata elevata una sanzione amministrativa di 3.166 euro per detenzione di prodotti ittici preconfezionati privi delle indicazioni in lingua Italiana. Anche in questo caso si è stata elevata una sanzione di 159 euro per occupazione del suolo ed alla denuncia in stato di libertà per occupazione di suolo pubblico al fine di trarne profitto, oltre ciò l’uomo era sprovvisto di "Dia sanitaria".

Gli uomini della capitaneria di Porto sono intervenuti nell’operazione interforze anche al fine di controllare la qualità del pesce venduto. Controlli serrati anche in via Nicolò Cervello e Piazza Kalza dove si è giunti al sequestro amministrativo a carico di ignoti di attrezzature ed arredi utilizzati per esercitare l’attività, non autorizzata, di somministrazione pubblica di bevande ed alimenti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Blitz antiabusivismo alla Kalsa Momenti di tensione coi commercianti

PalermoToday è in caricamento