Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca Tribunali-Castellammare / Piazzetta della Vittoria Allo Spasimo

Kalsa, recuperati oggetti d'antiquariato per 100 mila euro: denunciati i ricettatori

Gli oggetti - di particolare pregio e valore storico-artistico - erano stati rubati mesi fa da un negozio del centro: i carabinieri li hanno scovati in un edificio occupato abusivamente in discesa Dei Bianchi. Nei guai due palermitani

Gli oggetti di antiquariato recuperati dai carabinieri

Un edificio occupato abusivamente alla Kalsa con all'interno oggetti di antiquariato "di particolare pregio e valore storico-artistico" e rubati mesi fa da un negozio del centro. Con l'accusa di ricettazione i carabinieri della stazione di piazza Marina hanno denunciato in stato di libertà due palermitani. Si tratta di un trentottenne (G.R. le sue iniziali) e un giovane di 26 anni (M.M. le iniziali), entrambi palermitani e volti noti alle forze dell’ordine.

Oggetti d'antiquariato rubati in covo abusivo alla Kalsa | Guarda il video

I carabinieri sono intervenuti in discesa Dei Bianchi: all’interno di un edificio occupato abusivamente dai due palermitani hanno trovato un lume, due candelabri, un calice, una zuccheriera, una lampada, sei vasi, un crocifisso, cinque portacandele, e ancora una maschera veneziana, una specchiera, sei dipinti, un capezzale e quattro statuette.

Le indagini dei militari dell’Arma - svolte con il determinante contributo dei carabinieri del Tpc (Tutela patrimonio culturale) di Palermo, hanno consentito di accertare che questi oggetti erano stati rubati nei mesi precedenti da un negozio di antiquariato del centro città. "Si tratta di oggetti del valore commerciale di circa 100 mila euro circa - spiegano i carabinieri -. Dopo essere stati fotografati e catalogati, sono stati affidati in custodia giudiziale al legale rappresentante della ditta che gestisce il negozio di antiquariato".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Kalsa, recuperati oggetti d'antiquariato per 100 mila euro: denunciati i ricettatori

PalermoToday è in caricamento