Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

"Indennità gonfiate", sequestrati beni per ex vertici dell'Istituto case popolari

Il provvedimento, eseguito dalla Corte dei Conti, riguarda l'ex commissario straordinario Marcello Gualdani, e l'ex direttore Salvatore Giangrande, rispettivamente per 177 mila euro e 315 mila euro

La sede dell'Istituto

La procura regionale della Corte dei conti ha eseguito, con l'ausilio del nucleo di polizia economico-finanziaria, un decreto di sequestro conservativo nei confronti di Marcello Gualdani, ex commissario straordinario dell'Istituto autonomo case popolari (Iacp) e dell'ex direttore Salvatore Giangrande, rispettivamente per 177 mila euro e 315 mila euro.

La procura contesta le indennità di posizione erogate ai dirigenti nel quinquennio 2011/2015 e l'indennità di risultato negli anni 2010, 2011 e 2012. Il sequestro è stato eseguito sui conti correnti, beni immobili e sul quinto di stipendi e pensioni degli ex vertici dell'istituto dopo la condanna in primo grado della Corte dei conti. La vicenda nasce da vari esposti che hanno segnalato presunte illegalità nell'attività dello Iacp del capoluogo e dall'attività di verifica del servizio ispettivo del dipartimento regionale autonomie locali. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Indennità gonfiate", sequestrati beni per ex vertici dell'Istituto case popolari

PalermoToday è in caricamento