Isole pedonali al palo, Sinistra Comune attacca l'Amat: "Manca ancora la segnaletica"

Il consigliere Melluso punta il dito contro la società guidata da Michele Cimino, "uomo" di Italia Viva: "Situazione surreale, i ritardi penalizzano i commercianti". L'amministrazione, con una serie di ordinanze, punta ad aiutarli concedendo più suolo pubblico. "Non si deludano le aspettative"

L'Amat ritarda l'installazione della segnaletica e le nuove isole pedonali individuate dall'amministrazione rimangono al palo. Lo denuncia Sinistra Comune attraverso il consigliere Fausto Melluso, che afferma: "La gran parte delle piazze già oggetto di ordinanza di pedonalizzazione non sono ancora state effettivamente interdette alle auto, non essendo stata ancora stata installata la cartellonistica necessaria. Dal 27 luglio, data dell'ultima ordinanza, niente sembra essersi mosso".

Complessivamente, la Giunta ha indicato un centinaio di aree già pedonali o potenzialmente pedonali da utilizzare in questo periodo di emergenza Covid per aiutare i commercianti a guadagnare spazio per mettere tavolini e ombrelloni. Secondo Sinistra Comune, che parla di "situazione surreale, i ritardi hanno "già procurato un ampio danno agli operatori economici che non hanno potuto salvaguardare i propri affari e ai cittadini, privati di spazi urbani".

Senza la segnaletica non si possono far rispettare i divieti alle auto, che per volontà del Comune sarebbero dovute già scattare via del Bastione, piazza Niscemi, vicolo San Carlo, via Seminario Italo Albanese, via Schioppettieri, piazza Santa Chiara, piazzetta e via Sette Fate, via Pantelleria, piazza Monte di Pietà, via Napoli, piazza Sant’Onofrio, via Sammartino e piazza Marina a Sferracavallo.

"Più isole pedonali - continua Melluso - significa movida più diffusa nel territorio e, quindi, meno assembramenti. Ho inviato una richiesta urgente di chiarimento e sollecito al presidente di Amat Michele Cimino sulle ragioni del ritardo nell’apposizione della segnaletica". Anche l'assessore alla Mobilità, Giusto Catania, ha sollecitato l'Amat e, dopo i riscontri avuti, si è detto fiducioso di un pronto intervento della partecipata. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dietro le righe di quella che in apparenza può apparire come una semplice sollecitazione c'è il braccio di ferro tra Sinistra Comune (movimento politico di riferimento dell'assessore Catania) e Italia Viva (che invece annovera tra i suoi proprio il presidente dell'Amat). I due schieramenti che compongono la maggioranza sono ai ferri corti. Da qui la frecciatina lanciata da Melluso: "Non basta dirsi d'accordo sui principi delle pedonalizzazioni: alla nostra città servono decisioni efficaci e cura dei processi, per non continuare a deludere le aspettative di operatori economici e cittadini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stretta anti covid, ecco l'ordinanza: mascherine all'aperto, divieto di stazionare in strada

  • Il "re del pollo fritto" arriva a Palermo, apre il colosso Kfc: 40 nuovi posti di lavoro

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Giorgia Davì, la baby modella che porta un po' di Palermo alla Milano Fashion Week

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento