"Troppe ombre nella vicenda Ismep", il M5S presenta due esposti

I deputati Giorgio Ciaccio e Giulia Di Vita si sono rivolti alla magistratura per accertamenti sull'istituto di eccellenza pediatrica. Dal 2002, quando ancora si chiama Cemi, sarebbero stati bruciati milioni di euro tra incarichi, progetti e perizie di variante

L'Ismep di Palermo

Dopo le interrogazioni parlamentari scattano ora gli esposti alla magistratura. Il Movimento 5 Stelle vuole vederci chiaro nell'annosa questione dell'istituto mediterraneo di eccellenza pediatrica (Ismep), che sarebbe finito su un binario morto. I lavori del cantiere sono stati da tempo sospesi, come ha confermato la stessa società che ha in carico l'opera. Da qui l'azione dei deputati Giulia Di Vita (Camera) e Giorgio Ciaccio (Ars) che prima hanno interrogato ministro ed assessore alla Salute e poi hanno messo nero su bianco tutta la storia a partire dal 2002, quando l'Ismep, allora centro per l'eccellenza materno-infantile (Cemi) cominciò la sua "infelice avventura". La vicenda, dettagliatissima, ora è sulle scrivanie della magistratura ordinaria e di quella contabile per chiedere puntuali indagini e, se è possibile, ravvisare "profili di illiceità penale" ed eventuali danni erariali.

La storia dell'Ismep, sostengono i pentastellati, è un groviglio di attese, progetti e perizie di varante che dal 2002 ad oggi ha prodotto solo una montagna di costi. "Ci sono - afferma Giulia Di Vita - troppe zone d'ombra nella vicenda e che vanno chiarite all'intera collettività siciliana. Anche e sopratutto per il fatto che la mancata realizzazione dell'opera continua a lasciare un vuoto sanitario che costringe le famiglie siciliane a costosi e disumani viaggi della speranza in cerca di cure lontano dalla Sicilia. Nel solo 2014 - secondo l'ultimo rapporto sulle schede di dimissioni ospedaliere - la Sicilia ha perso per le cure dei malati siciliani, non solo bambini, oltre 175 milioni di euro".

"Tra appalti originari intermedi, finali, perizie di variante e affidamenti di servizi e prestazioni ad altri ospedali - dice Giorgio Ciaccio - sono andati via oltre i 200 milioni di euro totalmente infruttuosi. Ci insospettisce non poco soprattutto il lievitare dei costi per presunti errori di sottostima, a partire dall'aggiudicazione della gara, avvenuta con il notevole ribasso del 35 per cento. Vorremmo capire - continua  Ciaccio - se in questi 14 anni qualcuno si è riempito le tasche con i soldi dei siciliani onesti giocando con le vite dei nostri bambini. Se è così, chiediamo alla magistratura di conoscerne i nomi”.

La vicenda vede il susseguirsi di fondazioni aperte con fondi pubblici e privati e poi chiuse, senza che ci sia la minima traccia di quanto effettivamente prodotto, quadri economici non chiari e perizie di variante che avrebbero imposto la 'traslazione' della struttura perché 'incrociava' la sottostante conduttura dell'acqua, "circostanza - si legge nell'esposto - che appare sospetta, visto che prima di redigere il progetto viene fatto uno studio sulle condotte di acqua, telefono ed elettriche" e visto che l'autorizzazione della traslazione progettuale degli edifici era stata data dal comune di Palermo ben 4 anni prima della delibera che l'approvava".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Coronavirus, divieto di spostamenti tra regioni valido anche per quelle in area gialla

Torna su
PalermoToday è in caricamento