rotate-mobile
Il caso / Montepellegrino / Viale Diana, 1

Ippoterapia, il Comune prova a rimediare all'errore: via libera dopo la revoca in attesa di un avviso pubblico

Il progetto per favorire la riabilitazione di 31 bambini affetti da autismo o da disabilità motoria, gestito dall'associazione Cavallo Amico, potrà proseguire. L'amministrazione lavora però a "una manifestazione di interesse rivolta a tutti coloro che, per le stesse finalità, vorranno utilizzare il campo ostacoli"

Il Comune prova a rimediare all'errore, ma soprattutto non blocca il progetto di ippoterapia per 31 bambini affetti da autismo o con disabilità motoria non si ferma. L'associazione Cavallo Amico, che in uno dei campi del centro equestre della Favorita, svolge le attività riabilitative e terapeutiche che, come emerso su PalermoTodaysi era vista revocare l'autorizzazione concessa con una svista giuridica, potrà continuare a effettuare il servizio. 

"In relazione alla nota vicenda della revoca della autorizzazione concessa all'associazione Cavallo Amico - si legge in una nota dell'assessore comunale Sergio Marino - l'amministrazione comunale precisa che nessuna volontà da parte della stessa sussiste circa l'impedimento a svolgere attività a sostegno di soggetti che possono trovare nella ippoterapia un percorso di riabilitazione sanitaria. La stessa associazione potrà quindi da subito utilizzare i campi senza alcun limite in attesa che venga pubblicata una manifestazione di interesse rivolta a tutti coloro che, per le stesse finalità, vorranno utilizzare il campo ostacoli e ciò per evitare che vengano a determinarsi impossibili circostanze di esclusivo impiego a favore di alcuni soggetti".

L'assessore aggiunge: "Resta da risolvere il problema dell'impiego delle stalle per le quali l'amministrazione comunale ha da tempo richiesto all'Ufficio Speciale della Regione un chiarimento in merito alle attività compatibili alle zone a rischio elevato (R3) in cui ricadono le stalle che proprio oggi e stata sollecitata per poter avere un quadro normativo chiaro in riferimento a problemi correlati alla sicurezza a seguito del quale si potrà anche programmare un uso delle stesse a seguito di avviso aperto e dietro pagamento di un canone che e necessario nel caso di uso del patrimonio comunale".

Il prossimo mercoledì mattina, inoltre, l'assessore Marino, insieme alla capo area del Verde del Comune, Paola Di Trapani, incontrerà l'associazione Cavallo Amico per cercare di trovare soluzioni alla vicenda che favoriscano l'uso della struttura.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ippoterapia, il Comune prova a rimediare all'errore: via libera dopo la revoca in attesa di un avviso pubblico

PalermoToday è in caricamento