Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca

Ioppolo: “Salvare la sede del liceo linguistico Cassarà di Alimena"

Secondo il deputato regionale del Gruppo Lista Musumeci l'atto è "destinato a produrre gravissimi disagi a studenti e famiglie"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Il deputato regionale del Gruppo Lista Musumeci Gino Ioppolo, ha chiesto in un’interrogazione al presidente della Regione la revoca urgente della delibera dello scorso 17 luglio, con cui il commissario straordinario della provincia Regionale di Palermo (di nomina regionale) Domenico Tucci, aveva decretato la chiusura del plesso scolastico di Alimena, succursale del liceo linguistico “Ninni Cassarà”.

La delibera contestata, recita che la sede distaccata nel comune di Alimena, sarebbe "diseconomica, sia per l'insufficiente numero di alunni, sia per gli elevati costi di gestione". Morale della favola? Viene soppressa, così come indicato dal Commissario Straordinario il 17 Luglio 2013. Di fatto, sono 49 gli studenti interessati dal provvedimento. Con buona pace del diritto allo studio.

“Questo atto deliberativo, se non revocato - scrive Ioppolo - è destinato a produrre gravissimi, concreti, forse in taluni casi, insuperabili disagi ai numerosi studenti, non tutti di primo anno, iscritti presso la istituzione scolastica e frequentanti le classi con sede ad Alimena. Disagi fatalmente destinati ad estendersi anche alle rispettive famiglie, in ragione della notevole distanza chilometrica che separa il Comune di Alimena da quelli in cui si trovano le altre sedi dell'Istituto”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ioppolo: “Salvare la sede del liceo linguistico Cassarà di Alimena"

PalermoToday è in caricamento