Io che cosa posso fare?

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"La mafia è l'incapacità della società di reagire, l'indifferenza in cui lascia che le cose accadano. Siamo noi quando non vediamo o facciamo finta di non vedere. Noi che non ci chiediamo: Io che cosa posso fare?" Dal libro-la mafia siamo noi (De Riccardis). Una domanda a cui a volte manca una risposta ma che spesso, spessissimo, viene posta dai ragazzi nelle scuole durante i tanti incontri sulla legalità, a dimostrazione che il buon vivere civile è assai vivo nei giovani e che l'impegno comune dei cittadini che credono in un progetto di riscatto è più forte della paura e dell'immobilismo. Una domanda che mi sono posto ieri dopo un sopralluogo nei pressi del piazzale dei Matrimoni nel Parco della Favorita di Palermo.

Insieme a Gino Pantaleone (anche resp.progetti scolastici della Football Club Antimafia) stavamo perlustrando la zona più adatta per svolgere l'attività di orienteering che proponiamo per l'evento "LadomenicaFavorita" il 09 aprile. Abbiamo notato un andirivieni di persone a piedi e altre persone che stavano tra i cespugli senza nessun motivo evidente, la presenza di molte vetture che si fermano in un posto ben preciso per pochi minuti e poi ripartono. Lascio alla vostra immaginazione ed alla vostra intuizione quale attività illecita si faceva alla luce del giorno, all'interno del parco urbano più grande e più bello d'Italia.

Non abbiamo prove evidenti, non abbiamo foto o video ma la nostra coscienza non può restare indifferente, vogliamo sensibilizzare le autorità preposte a costituire un presidio di controllo in quella zona giornaliero e costante. L'iniziativa "ladomenicafavorita" nasce con questo obiettivo, rendere le bellezze del nostro territorio fruibili alle attività sportive, ai giochi ed alle passeggiate con le famiglie 365gg l'anno , non solo 5 domeniche , in piena serenità e sicurezza. Io mi sento in dovere di "denunciare", Noi abbiamo il dovere di "fare".

Isidoro Farina, presidente Football Club Antimafia

Torna su
PalermoToday è in caricamento