rotate-mobile
Cronaca

Intitolata la strada davanti l'ingresso dell'aula bunker al magistrato Francesco Romano

Fu segretario generale del Csm e presidente del tribunale di Palermo. Il sindaco Lagalla: "Una persona umile e determinata che non si è mai sottratta alle responsabilità anche nel periodo del banditismo, negli anni Quaranta e Cinquanta"

Intitolata al magistrato Francesco Romano il tratto stradale davanti l'ingresso dell'aula bunker di Palermo. "Il presidente Francesco Romano non è stato solo un magistrato competente e leale, ma anche un presidente coraggioso, in un momento storico così difficile come quello di preparazione alla celebrazione del primo Maxiprocesso contro Cosa Nostra" ha detto il sindaco Roberto Lagalla.

Romano fu segretario generale del Csm e presidente del tribunale di Palermo. "Una persona umile e determinata che non si è mai sottratta alle responsabilità anche nel periodo del banditismo, negli anni Quaranta e Cinquanta, del terrorismo a Roma negli anni Settanta - conclude il sindaco - quale segretario generale del Csm a fianco del vice presidente Vittorio Bachelet e, infine, negli anni Ottanta, nel ruolo di presidente del tribunale di Palermo nell'azione di contrasto alla violenza e all'aggressione di Cosa nostra. Un lungo percorso professionale, condotto all'insegna di una grande serietà e che rimane ancora un esempio per tanti magistrati. Nulla di più opportuno oggi, quindi, quanto l'intitolazione di questa strada, per la quale esprimo apprezzamento e orgoglio". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Intitolata la strada davanti l'ingresso dell'aula bunker al magistrato Francesco Romano

PalermoToday è in caricamento