Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Polizzi, spari contro l'insegna del feudo confiscato

Lo ha denunciato il segretario della Cgil di Palermo, Enzo Campo. Il bene è affidato, in vista della costituzione del Consorzio legalità e sviluppo delle Madonie, a tre cooperative: "Lavoro e non solo" di Corleone, "Placido Rizzotto" e "Pio La Torre" di Corleone

foto archivio

Il cartellone all'ingresso del vigneto del feudo Verbumcaudo, il terreno confiscato alla mafia a Polizzi Generosa e acquisito dalla Regione nel dicembre 2011, è stato sfregiato da una pallottola che ha bruciacchiato il logo della Repubblica italiana. Lo ha denunciato il segretario della Cgil di Palermo, Enzo Campo, a conclusione delle quattro tappe del viaggio del camper della legalità della Cgil in Sicilia.

Il bene è stato affidato, in vista della costituzione del Consorzio legalità e sviluppo delle Madonie, a tre cooperative: "Lavoro e non solo" di Corleone, "Placido Rizzotto" e "Pio La Torre" di Corleone.

"I lavoratori delle cooperative due giorni fa, accompagnando l'agronomo di un ente regionale a una visita del vigneto, hanno notato che il cartello che identifica il terreno come bene confiscato alla mafia era stato danneggiato, e bruciato, da una pallottola esplosa. Un colpo mirato, che ha centrato proprio lo stemma della Repubblica italiana. Abbiamo presentato la denuncia ai carabinieri. E oggi è  stato accertato che si tratta di un colpo di fucile - dicono Campo e il responsabile della Camera del Lavoro di Corleone Dino Paternostro - . Non sappiamo se si tratta o meno di un atto intimidatorio, della goliardata di qualcuno, di un colpo partito dal fucile di un cacciatore o di un atto di stupidità. La Cgil non si lascia intimidire da questi atti. Saremo più che mai vigili". E' stata presentata formale denuncia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polizzi, spari contro l'insegna del feudo confiscato

PalermoToday è in caricamento