Cronaca

Valvola cardiaca riparata senza bisturi: intervento innovativo all'Ismett su una paziente di 80 anni

L'operazione chirurgica a cuore aperto risultava ad alto rischio così i medici dell'equipe della dottoressa Caterina Gandolfo sono intervenuti attraverso una vena dell'inguine con pinzette miniaturizzate

Riparare la valvola tricuspide senza utilizzare il bisturi, in modo quindi mini-invasivo. L'intervento è stato eseguito in Irsccs-Ismett su una paziente di 80 anni ed è uno dei pochi casi realizzati in Italia. Attraverso una vena dell'inguine e con tecniche transcatetere innovative è stata riparata un'insufficienza tricuspidale "torrenziale" (ovvero grave) senza aprire il torace del paziente. Ad eseguire l'intervento il team di cardiologia interventistica di Ismett, guidato da Caterina Gandolfo (foto allegata), responsabile dell'unità. La donna è già stata dimessa in buone condizioni. 

L'anziana sottoposta all'intervento era affetta da un'insufficienza della valvola tricuspide con severe manifestazioni cliniche di scompenso cardiaco e frequenti ospedalizzazioni. L'intervento chirurgico a cuore aperto risultava ad alto rischio e non era stato preso in considerazione perché la paziente soffriva di una broncopneumopatia cronica ostruttiva di grado severo, una patologia polmonare che aumenta il rischio operatorio.

Caterina Gandolfo-2L'intervento consiste nell'applicazione di una o più pinzette miniaturizzate (chiamate TriClip), che suturano i lembi della valvola tricuspide tra di loro senza dover aprire il cuore. La procedura ripristina la normale chiusura della valvola ad ogni battito del cuore, in modo da ridurre il grado di insufficienza con notevole beneficio per la salute del paziente.

"L'intervento - spiega Gandolfo - è durato circa un'ora e mezza ed ha permesso di ridurre l'insufficienza tricuspidale da un grado torrenziale a un grado lieve, con un risultato più che soddisfacente. La paziente ha potuto, infatti, lasciare l'ospedale solo dopo due giorni di degenza. L'impianto di Triclip non comporta, infatti, nessun taglio chirurgico, si interviene attraverso la vena femorale grazie ad una piccola incisione e richiede una anestesia generale solo per tollerare l'ecografia transesofagea, necessaria per visualizzare il cuore e guidare il corretto impianto della clip".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Valvola cardiaca riparata senza bisturi: intervento innovativo all'Ismett su una paziente di 80 anni

PalermoToday è in caricamento