Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca

Integrazioni tra chemio e radioterapia, se ne discute a Bagheria

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

L’associazione di chemio e radioterapia per vincere i tumori. Di questo si parlerà al congresso “Integrazioni chemio-radioterapiche”, che si svolgerà, il 9 settembre, nelle sale di Palazzo Villarosa, a Bagheria, nel Palermitano. Coordinatori del simposio scientifico saranno Giampaolo Biti, ordinario di radioterapia all’Università di Firenze e Antonio Russo, ordinario di oncologia medica all’ateneo di Palermo.  

Esperti provenienti da tutta Italia si confronteranno sull’efficacia dell’azione combinata di chemio e radioterapia per la cura di alcune tipologie di tumori, tra cui quelli a testa e collo, polmone, seno, prostata, senza trascurare quelli d’ambito ginecologico.  

“È sempre più frequente – spiega Giampaolo Biti – che in particolari casi di tumori si renda necessaria l’integrazione di trattamenti radio-chemioterapici. Per questo, è bene che i colleghi medici, che a volte sono un po’ individualisti, imparino a lavorare insieme perché questo tipo di integrazione sarà sempre più diffusa nei prossimi anni”.  

“Fortunatamente – prosegue Biti – la speranza di vita è sempre più alta, anche nei pazienti in cui la completa guarigione è più complicata, come quelli con metastasi cerebrali ad esempio. Grazie a questo tipo di terapie adesso si ha una cronicizzazione della malattia più lunga, così, il paziente non sopravvive solo qualche mese in più, ma può avere un’aspettativa di vita di diversi anni”.  

Provider e segreteria organizzativa dell’evento sono a cura di Biba Congressi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Integrazioni tra chemio e radioterapia, se ne discute a Bagheria

PalermoToday è in caricamento