"Dottore Orlando, lei è un cornuto": 32enne rischia processo per oltraggio

Si chiama Fabio Picco Di Maria ed è il protagonista del video ripreso il 6 gennaio scorso durante una manifestazione in via Magliocco. Dopo l'identificazione da parte della Digos la Procura ha chiesto il rinvio a giudizio. Il sindaco non ha sporto alcuna denuncia

Uno screen del video ripreso durante la manifestazione di Confartigianato

Ha offeso pubblicamente il Sindaco e ora rischia un'ammenda saltata o addirittura una condanna fino a 3 anni. La Procura ha chiesto il rinvio a giudizio per oltraggio a pubblico ufficiale per Fabio Picco Di Maria, il 32enne che lo scorso 6 gennaio ha dato del “cornuto” a Leoluca Orlando nel corso di una manifestazione organizzata da Confartigianato in via Magliocco. “E’ da vent’anni che prende per il culo i cristiani, dottore Orlando lei è un cornuto, è una vita che glielo dovevo dire”. Una frase ripresa con lo smartphone e che in poche ore ha fatto il giro del web.

"Sindaco, è una vita che glielo dovevo dire..." | Video

In quell’occasione Picco Di Maria, con la figlia in braccio, tra le altre cose ha contestato al primo cittadino di non aver accolto il premier: “Lei deve avere vergogna, è venuto Conte a Palermo e lei non si è nemmeno presentato”. Due giorni dopo l’accaduto gli agenti della Digos hanno identificato l'uomo ma il sindaco Orlando ha preferito non sporgere alcuna querela contro il 32enne. L’episodio è diventato poi oggetto di un fascicolo affidato al sostituto procuratore Claudia ferrari. Adesso toccherà al giudice decidere se archiviare il caso o far partire il processo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La sua iscrizione nel registro degli indagati - scrive in una nota il segretario provinciale di Forza Nuova, Massimo Ursino - suscita più ilarità dell’epiteto in sé. Abbiamo già allertato i nostri legali che, se il gip dovesse mandare a processo il nostro concittadino, si sono detti pronti a difenderlo. Eravamo con lui nel giorno dello sfogo oltraggioso e liberatorio saremo con lui nelle aule di tribunale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, coinvolto il cantante De Martino: morto un sessantenne

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: "Un esercito di medici per contrastare il Covid"

  • Apre a Palermo l'Antica pizzeria da Michele, dopo Napoli è l'unica del Sud Italia

  • Omicidio a Camporeale, colpi di pistola in piazza: morto un ragazzo di 26 anni

  • Maestra positiva al Covid e classe d'asilo in quarantena, i genitori: "Comunicazione arrivata tardi"

  • Condannato a 5 anni il questore di Palermo: "Caso Shalabayeva, fu sequestro di persona"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento