Cronaca

"Cu jetta a munnezza è nu cess": installazione artistica sulla statale a Pollina

“Putia di prodotti locali” il titolo dell'opera che vuole sensibilizzare sul tema dell'abbandono dei rifiuti, firmata da Giuseppe Cangelosi e Antonio Fazio

L'installazione

Un cartello con la scritta “Cu jetta a munnezza è nu cess” appeso ad un filo con le mollette, sopra ad un wc pieno di lattine e bottoglie di birra vuote dal quale fuoriesce anche la gamba (tesa) di un manichino. L'installazione, che accende i riflettori sul tema dell'abbandono della spazzatura, è comporsa da qualche giorno lungo la strada statale 286, all'altezza di Pollina. Il titolo è “Putia di prodotti locali”: è riportato su un altro cartello - appoggiato su una sedia, posta tra i rifiuti - che porta le firme di Giuseppe Cangelosi e Antonio Fazio. 

Non è la prima volta che gli artisti trovano inspirazione dal tema della "munnizza": solo per fare un esempio, cinque anni fa Beny Vitale scese in campo per dire basta all'emergenza rifiuti in provincia. A Cinisi comparvero diverse opere, realizzate con la tecnica degli stencil,  nei punti cruciali in cui si era accumulata la spazzatura.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Cu jetta a munnezza è nu cess": installazione artistica sulla statale a Pollina

PalermoToday è in caricamento