Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca Via del Celso

Furto in un bed and breakfast: inseguimento tra i vicoli del centro, preso marocchino

Operazione della polizia nella zona di corso Vittorio: bloccato un pregiudicato marocchino. Addosso aveva un coltello e carte di credito di alcuni turisti russi. E' stato denunciato per ricettazione

Fermato dopo un lungo inseguimento nel cuore del centro storico. La polizia ha bloccato un marocchino: su di lui ci sono fortissimi sospetti che sia stato l'autore di un furto in un bed and breakfast. In azione gli agenti appartenenti all'ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico. E' successo ieri, quando una pattuglia -  che da giorni aveva memorizzato i lineamenti del marocchino, un pregiudicato, solito aggirarsi nel centro e sospettato di avere compiuto recenti furti - ha incrociato proprio l'uomo nella zona di corso Vittorio Emanuele.

"Lo straniero - dicono dalla questura - ha disatteso l’alt intimato dalla polizia ed è scappato lungo i vicoli del centro. Ne è nato un rocambolesco inseguimento, in pieno giorno, tra turisti attoniti. La fuga, durata alcuni minuti, si è conclusa in via del Celso, nei pressi di un cantiere edile dove il marocchino aveva cercato rifugio. L'uomo è stato raggiunto e bloccato dagli agenti, che mai lo avevano perso di vista". Addosso i poliziotti hanno rinvenuto un coltello a serramanico, oltre a carte di credito e passaporti riconducibili ad alcuni cittadini russi derubati in un bed e breakfast della zona nelle scorse notti.

"I documenti - hanno spiegato dalla questura - sono già stati riconsegnati ai proprietari proprio quando stavano già per rientrare nel loro Paese, pessimisti sulle possibilità di rientrare in possesso di quanto già perso. Il cittadino marocchino è stato denunciato per i reati di resistenza a pubblico ufficiale, ricettazione e porto di oggetti atti ad offendere. Gli sono stati notificati, inoltre, un provvedimento di obbligo di dimora ed un avviso orale del Questore, maturati a seguito di episodi precedenti a questo e sono in corso indagini per delineare il quadro delle sue responsabilità anche per altri reati".

Dalla questura sottolineano: "Il percorso arabo normanno e, più in generale,  l’intero centro storico di Palermo ormai da tempo possono contare su una o più sentinelle d’eccezione: i poliziotti di quartiere. Queste particolari pattuglie, al servizio di turisti, commercianti, residenti e cittadini, vigilano quotidianamente a piedi, in bicicletta e da poco anche a bordo di un’autovettura elettrica".

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furto in un bed and breakfast: inseguimento tra i vicoli del centro, preso marocchino

PalermoToday è in caricamento