"Insegnanti di sostegno, via alla stabilizzazione recuperando i 50 mila posti andati a vuoto"

A lanciare la proposta è il segretario generale della Flc Cgil Palermo Fabio Cirino in risposta alla nota con cui il ministero dell'Istruzione ha assicurato che "le alunne e gli alunni con disabilità rappresentano la priorità assoluta"

“Perché non si recuperano i 50 mila posti già autorizzati dal Mef e andati  a vuoto per le immissioni in ruolo  facendo le compensazioni  e stabilizzando i docenti   di sostegno?”. A lanciare la proposta è il segretario generale della Flc Cgil Palermo Fabio Cirino che interviene sul tema degli insegnanti di sostegno anche in risposta alla nota con cui il ministero dell'Istruzione ha detto che “le alunne e gli alunni con disabilità per noi rappresentano la priorità assoluta”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“In  tutto il territorio nazionale, delle 84 mila immissioni di ruolo programmate ne sono state fatte solo 30 mila,  perché sono andate a vuoto per mancanza di candidati o perché suddivisi nel territori in graduatorie dove ad esempio  mancavano i candidati. Quello che secondo la Flc Cgil Palermo sarebbe importante – spiega  Fabio Cirino -  proprio perché il ministro dice che grande è l'attenzione verso i disabili nei protocolli di sicurezza, è stabilizzare i docenti specializzati di sostegno,   che da anni già svolgono questo compito. E' una richiesta che facciamo sempre, che la nostra organizzazione sindacale chiede da anni. Tutti parlano sempre di stabilizzare gli  insegnanti di sostegno ma nessuno poi lo fa. Perché non compensare i posti andati a vuoto per  le immissioni  in ruolo e già autorizzati  facendo le assunzioni dei docenti di sostegno e stabilizzandoli? Questo ovviamente a vantaggio della continuità didattica, del diritto allo studio dei ragazzi disabili ma anche di una stabilità occupazionale e di una continuità di lavoro per gli insegnanti specializzati”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento