menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La famiglia a Palermo e lei bloccata a Pavia per norme Covid, insegnante tenta suicidio: salvata

La giovane donna, 28 anni, ha tentato di lanciarsi dalla finestra della sua abitazione lombarda ma è stata tratta in salvo dai carabinieri. All'origine del gesto, lo sconforto per la lontananza dagli affetti

Una crisi profonda, generata dal fatto che a causa delle limitazioni imposte dalle norme anti-Covid, da mesi non riusciva a vedere la sua famiglia d'origine che abita a Palermo. Ci sarebbe questo, secondo quanto trapelato dalle forze dell'ordine, dietro al gesto compiuto da un'insegnante di 28 anni che, in preda allo sconforto, nella notte tra sabato e domenica ha cercato di togliersi la vita lanciandosi dalla finestra del proprio appartamento, al terzo piano di un condominio di Pavia. A salvarla sono stati i carabinieri, allertati da una segnalazione.

Giunti sul posto, i militari hanno scavalcato il muro di cinta alto circa 3 metri. Mentre uno di loro affacciandosi da una finestra vicina ha distratto la donna, che ormai era con un piede sul davanzale della propria finestra e il resto del corpo sul tetto, un altro carabiniere, ha sfondato la porta dell'appartamento con l'aiuto dei vigili del fuoco, ed è riuscito a raggiungerla e afferrarla. La 28enne è stata riportata all'interno della casa, dove è stata affidata alle cure degli operatori del 118 e trasportata successivamente al Policlinico San Matteo in stato di choc.

Fonte MilanoToday.it

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento