rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca

"Almeno 125 persone malate per l'amianto nell'ambiente": la denuncia della Cgil

Il sindacato ha deciso di dare vita a uno "sportello amianto" e "sollecitare le istituzioni affinché adottino le misure opportune". Campo: "Palermo diventi nel 2018 Capitale della cultura del lavoro, della prevenzione e della sicurezza"

Aumenta a Palermo il numero di malati contagiati dall'amianto. Secondo i dati forniti dal responsabile Bonifiche e Amianto della Cgil nazionale Giuseppe Iannilli "diventa sempre più alta la percentuale di malati contagiati dall'amianto nell'ambiente in cui vivono e non sul lavoro. In provincia di Palermo, secondo il registro mesoteliomi, ci sono 1306 malati ufficiali di asbestosi, di cui 232 rilevati nella città di Palermo. E ci sono 64 probabili e 61 possibili malati di asbestosi non per motivi di lavoro ma per contaminazione di origine ambientale, ovvero in totale 125 persone".

Il sindacato ha deciso così di dare vita a uno "sportello amianto" con l'obiettivo di "dare risposta a un'emergenza che si allarga e che riguarda diverse categorie, dagli edili ai metalmeccanici, la scuola, gli agricoltori, i pensionati e le industrie chimiche".

Il progetto è stato varato nel corso di un incontro con tutte le categorie e le Camere del lavoro zonali al quale hanno partecipato Giuseppe Iannilli e Massimo Marcellini del Dipartimento salute e sicurezza della Fiom nazionale. "Chiediamo che Palermo diventi nel 2018 Capitale della cultura del lavoro, della prevenzione e della sicurezza - afferma il segretario generale Cgil Palermo Enzo Campo - Al centro del dibattito di Palermo Capitale della cultura, la Cgil porrà come tema la qualità della vita dei cittadini. Il problema dell'esposizione all'amianto riguarda tutti, non solo i cantieri edili e le industrie metalmeccaniche ma anche edifici scolastici, uffici, palazzi, giardini, e non può più essere sottovalutato. Da qui la necessità di agire in rete e organizzare una vertenzialità strategica per sollecitare le istituzioni affinché adottino le misure opportune per dare risposte in tema di sicurezza e di prevenzione".

Lo sportello sarà inserito all'interno del patronato Inca Cgil per raccogliere le denunce, informare i lavoratori e i cittadini sui rischi dell'esposizione amianto, assistere nelle pratiche di patronato, legali e amministrative, comunicare con enti pubblici, associazioni e aziende.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Almeno 125 persone malate per l'amianto nell'ambiente": la denuncia della Cgil

PalermoToday è in caricamento