Infermieri carceri, Fp Cgil: "In Sicilia situazione incresciosa, si stabilizzi il personale precario"

Il sindacato ha inviato una nota all’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza e al provveditore regionale dell’amministrazione penitenziaria Cinzia Calandrino

“Giustizia, dignità ed equità. Principi che vanno garantiti a coloro i quali, da diversi decenni, continuano ad esercitare il prezioso contributo professionale e umano nel sistema carcerario siciliano in condizioni ambientali non facili”. Fp Cgil, in una nota indirizzata all’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza e al provveditore regionale dell’amministrazione penitenziaria Cinzia Calandrino,  evidenzia "l’incresciosa condizione nella quale si trovano, ormai da parecchi anni, gli addetti della dirigenza e del comparto sanitario, impegnati a prestare la loro attività nelle carceri dell’Isola".

“Se da un lato i ritardi hanno penalizzato oltre misura i professionisti sanitari di tutte le discipline, in servizio negli ambulatori delle case circondariali – afferma il segretario generale, Gaetano Agliozzo -  dall’altro l’evoluzione normativa, non ultima la legge 75/2017, stante la situazione emergenziale dettata dalla pandemia in atto, permetterebbe di rivedere alcune posizioni e pronunciamenti del Governo Nazionale.  È bene fugare anche ogni dubbio circa le risorse da impiegare, già in gran parte storicizzate, e che comunque, essendo un servizio istituzionalizzato, non deve essere soggetto ai conti del vivandiere. Ed è inaccettabile e anacronistico mantenere l’indirizzo tracciato delle recenti bocciature in finanziaria – aggiunge Agliozzo - lasciando lo status precariale per tanti operatori sanitari in applicazione  della L. 9 ottobre 1970 proprio perché in contrasto con la L. 75/2017 (Riforma Madia) il cui spirito è quello di chiudere la lunga e penosa parentesi del precariato, dei contratti atipici con la valorizzazione delle professionalità acquisite e forgiate nel tempo e di altri strumenti esplicativi come la circolare 3/2017 del Ministero della Pubblica Amministrazione. Inoltre possono essere utilizzate le risorse ordinarie previste per il fabbisogno delle assunzioni, triennio 2018/20 di recente prorogato al 2021. Nello specifico, il paragrafo 3.2.9 della citata circolare 3/2017 “Rapporti svolti con Enti Riorganizzati”. Infatti il personale della Medicina Penitenziaria, assunto secondo quanto previsto dalla L. 9 ottobre 1970, può rientrare nei parametri delle norme in questione volte alla stabilizzazione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Alla luce di quanto esposto – conclude Agliozzo - bisogna insistere ed investire sulla equiparazione delle attività svolte in regime di parcellista nelle case circondariali a quella dei precari storici degli Enti Pubblici e della Sanità. Ciò costituirebbe un primo atto moralmente risarcitorio nei confronti di donne e uomini che mettono la loro professionalità a disposizione di un “prossimo” molto particolare e poco “prossimo” a questa società, ricevendo in cambio lavoro precario con retribuzione a cottimo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Sedici anni senza la voce sublime di Giuni Russo, ma a Palermo neanche una via per ricordarla

  • Straordinario ritrovamento a Caltavuturo: scoperta strada del secondo secolo Dopo Cristo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento